Cronaca

Università, il Miur destina 39 posti per ricercatori: la soddisfazione del rettore

"Sulla base della nostra dimensione ne avremmo dovute avere 31: abbiamo quindi ottenuto quasi il 25% in più di posti", spiega Rosario Rizzuto

Buone notizie per l'università di Padova: il Miur ha emanato il decreto per il reclutamento straordinario di ricercatori a livello nazionale. All'ateneo patavino spettano ben 39 posti. È la migliore media a livello nazionale considerati i nuovi posti sul numero complessivo di docenti: questo è frutto della prima posizione ottenuta nella Vqr, valutazione della qualità della ricerca.

RITORNO. "Spesso si dice che i frutti della valutazione non sono tangibili – afferma il Rettore dell’università di Padova – che ci esponiamo ad un grande impegno per la valutazione ma il ritorno è modesto, che essere primi in fondo non ha un grande impatto. Questo non è vero: lo vediamo sul nostro bilancio, 15 milioni di euro di quota premiale per il nostro ateneo, una cifra molto ampia pari a quanto investiamo, per esempio, su ricerca o didattica".

25% POSTI IN PIÙ. "Il decreto del Miur ne è un esempio clamoroso - continua Rizzuto - su un tema che sta a tutti noi particolarmente a cuore: il reclutamento dei giovani. Abbiamo avuto 39 nuove posizioni, mentre unicamente sulla base della nostra dimensione ne avremmo dovute avere 31: abbiamo quindi ottenuto quasi il 25% in più di posti". La quota premiale più alta di tutti gli atenei, terzi a livello assoluto dietro ad università molto più grandi di noi ma con un rapporto docenti in ruolo/nuove posizioni più favorevole (Padova ha un nuovo ricercatore ogni 53 docenti, Bologna uno ogni 56, Roma La Sapienza uno ogni 76).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, il Miur destina 39 posti per ricercatori: la soddisfazione del rettore

PadovaOggi è in caricamento