Gli universitari di Agripolis in visita all'impianto di depurazione di Vigonza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Una quindicina di studenti dell'Università di Padova, corso di studio in Scienze Forestali e Ambientali, sarà in visita all'impianto di depurazione di Vigonza nella mattinata del 27 ottobre.
La visita si terrà nell'ambito del Corso di Protezione dagli inquinamenti, tenuto dalla professoressa Rossella Ghisi, e a fare da guida agli studenti saranno gli Educatori Ambientali di Etra.

In tale corso gli studenti acquisiscono conoscenze sulle principali forme di inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo, di tipo fisico, chimico (sostanze che consumano ossigeno, sostanze nutritive, sostanze organiche di sintesi), biologico (fonti, caratteristiche chimico-fisiche, effetti, trattamenti, possibilità di fitorimedio).
Vengono studiate anche le possibilità di contenimento di tali inquinamenti.
Oltre ai casi più "comuni", vengono analizzate anche le problematiche dovute alla presenza sul territorio di aziende agrarie e zootecniche, all'utilizzo del sale sulle strade nei mesi invernali, allo sversamento incidentale di idrocarburi da parte di macchinari forestali, e ancora alle emissioni di diossine dalle combustioni.

L'impianto di Vigonza, che copre una superficie di 25mila metri quadrati, ha una potenzialità di 70mila abitanti equivalenti e depura in media cinque milioni di metri cubi all'anno di acqua: giornalmente entrano in impianto in media 14mila metri cubi di acque reflue, convogliate attraverso la rete fognaria.
Nel 2001 l'impianto ha ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento