No Tav, Reparto Mobile di Padova in prima linea in val di Susa tra scontri e offese

Dopo i violenti e recenti continui scontri, nel corso delle ultime notti la strategia eversiva è mutata così da rendere se possibile ancora più difficile il lavoro del reparto mobile di Padova, fatto oggetto di aggressioni verbali e disturbo perfino nelle strutture ricettive che li ospitano

Il reparto mobile della poliiza di Padova al lavoro in Val Susa

Continuano in Valle di Susa le tensioni provocate dagli attivisti No Tav, che da tempo pongono in essere atti di violenza nei confronti delle forze di polizia impegnate a tutelare i lavori ed i cantieri necessari a costruire la linea ad alta velocità Torino-Lione.

Val di Susa

Come spiegano da Fsp - Federazione Sindacale Polizia, «Dopo i violenti e recenti continui scontri, durante i quali attivisti di autonomia e centri sociali hanno contribuito a tenere altissima la tensione aggredendo le forze dell’ordine, nel corso delle ultime notti la strategia eversiva è mutata così da rendere se possibile ancora più difficile il lavoro del reparto mobile di Padova, fatto oggetto di aggressioni verbali e disturbo perfino nelle strutture ricettive che li ospitano». Commenta Maurizio Ferrara, vicario regionale di Fsp - Federazione Sindacale Polizia: «Se la situazione vede ormai la polizia inseguita, insultata e pesino cacciata dagli attivisti No Tav l, il silenzio dei nostri vertici e persino più assordante. Il ministro dell’interno Lamorgese forse è convinto che la ricetta giusta sia quella di lasciar fare, facendo impartire ordini di non reagire e non intervenire, e non importa se ciò avviene a discapito della dignità umana e professionale di lavoratori che pur vestendo una divisa, al pari di tutti i cittadini, vivono con difficoltà questo momento. Non importa se anche lo stato oltre alla polizia che lo difende venga violato ed oltraggiato, quel che importa è che il problema resti confinato nell’alveo dell’indifferenza e del silenzio, mentre i suoi servitori sono lasciati in balia di delinquenti che nulla hanno a che fare con il legittimo democratico dissenso». Aggiunge Luca Capalbo, segretario regionale di Fsp - Federazione Sindacale Polizia: «Un altissimo tributo  di disagio in questo periodo lo sta pagando lo stesso reparto mobile di Padova pressato da lunghi stressanti e faticosi turni di servizio e da continui ravvicinati invii di uomini in Piemonte, dove la tensione è sempre palpabile e le iniziative eversive in quotidiana evoluzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento