menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venditori porta a porta scambiati per truffatori e presi in ostaggio

Due rappresentanti di una ditta di generi alimentari sono stati rinchiusi nel giardino di una famiglia di Carmignano di Sant'Urbano dopo aver rifiutato di fornire i propri documenti al figlio della cliente

Singolare episodio nell'Estense. I rappresentanti di una ditta di generi allimentari, residenti nelle province di Venezia e Vicenza, dopo aver venduto ad una signora di Camignano di Sant'Urbano dell'olio, sono stati fermati dal figlio della cliente, S.A., 54enne, che ha chiesto loro i documenti, pensando che potessero essere dei truffatori.

"OSTAGGI". I due venditori si sono rifiutati di fornire le loro generalità e si sono trovati rinchiusi nel giardino dell'abitazione. Ne è nato un alterco, scemato solo con l'arrivo dei carabinieri sul posto e la conseguente "liberazione" degli "ostaggi". Al termine della vicenda, i commercianti hanno sporto denuncia contro il figlio della cliente, che dovrà ora rispondere di sequestro di persona e violenza privata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento