rotate-mobile
Cronaca Stanga / Via Pietro Maroncelli

Uccisa a coltellate dal marito, la figlia vede tutto e si rifugia dai vicini

L'uxoricidio si è consumato ieri sera nell'appartamento di una coppia di magrebini in via Maroncelli, in zona Fiera. Il marito 38enne, fuori di sé dalla gelosia, ha ucciso barbaramente la moglie 33enne, che da un anno e mezzo lo aveva raggiunto in Italia

La gelosia, l'ennesima lite, un coltello estratto dal cassetto della cucina. Questo il crescendo in cui si è consumata ieri sera, poco prima di cena, intorno alle 19, la giovane vita di Fatima C., 33enne magrebina, uccisa dal marito Racid M., 38enne, nella loro casa di Padova, un appartamento recentemente restaurato in una palazzina di via Maroncelli al civico 7. Diverse le coltellate inflittele dall'uomo, ora in carcere per omicidio in flagranza di reato.

DELITTO. Temeva di essere lasciato, Racid, infastidito probabilmente dalla ricerca di maggiore indipendenza della moglie e così, in un raptus di gelosia, si è abbattuto su quest'ultima sferrandole numerosi fendenti. Un efferato uxoricidio avvenuto tra le stesse mura domestiche in cui si trovava, al momento, anche la piccola figlia di 6 anni, che avrebbe assistito al delitto, riparatasi dai vicini e ora affidata a un parente.
 
INDAGINI. Le indagini della squadra mobile della questura e del pubblico ministero Emma Ferrero hanno presto stretto il cerchio attorno all'unico indiziato. È stato il marito stesso a dare l'allarme e, dopo un interrogatorio serrato nella stessa abitazione insanguinata, e ascoltati i vicini che hanno testimoniato i frequenti litigi tra la coppia, per Racid sono scattate le manette ai polsi. L'uomo si trova in Italia da una decina d'anni e solo di recente, da un anno e mezzo, era stato raggiunto da Fatima e dalla figlia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa a coltellate dal marito, la figlia vede tutto e si rifugia dai vicini

PadovaOggi è in caricamento