rotate-mobile
Cronaca Battaglia Terme

Abusi sessuali sulla figlia minorenne della compagna: chiesti 9 anni per il patrigno orco

Violenze ripetute per mesi ai danni di una 13enne, con la madre inconsapevole. La verità è venuta a galla solo in ospedale dove la ragazzina si è confidata con il personale medico

Come riportano i quotidiani locali, in attesa della sentenza a giugno, il pubblico ministero ha chiesto una condanna a nove anni per l'uomo che aveva ripetutamente violentato la figlia minorenne della compagna.

Gli abusi

I fatti contestati risalgono al 2015, quando la ragazzina di 13 anni, che viveva con la madre, era stata più volte molestata pesantemente dal patrigno. La donna non si è resa conto di quanto stesse accadendo da mesi alla figlia fino a quando, in seguito a una violenta lite tra le due, la giovane era stata portata in ospedale. Qui la confessione, raccolta da medici e infermieri, che avevano informato il genitore e fatto scattare la denuncia.

Il processo

A finire sul banco degli imputati un uomo di Lecce, da tempo residente a Battaglia Terme e all'epoca fidanzato con la madre della 13enne. Per lui il pubblico ministero Roberto Piccione ha chiesto una condanna a nove anni per violenza sessuale aggravata. La sentenza sarà emessa il prossimo 25 giugno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sessuali sulla figlia minorenne della compagna: chiesti 9 anni per il patrigno orco

PadovaOggi è in caricamento