Cronaca Santo / Piazza del Santo

Alla basilica del Santo si celebra la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma dei carabinieri

Davanti alle autorità militari e civili della regione e ai carabinieri, il vescovo Claudio Cipolla ha celebrato l'annuale ricorrenza a cui si unisce la Giornata dell'orfano

Si è svolta giovedì alle 11 la partecipata e commossa cerimonia che, come da tradizione, celebra la patrona della Benemerita nella storica cornice della basilica di Sant'Antonio.

Il rito

Alla celebrazione religiosa hanno partecipato i vertici dell'Arma e le massime autorità civili e militari non solo padovane ma dell'intera regione. Tra loro il comandante del comando interregionale "Vittorio Veneto" generale Enzo Bernardini e il comandante della legione carabinieri “Veneto” generale Fabrizio Parrulli. A presiedere la santa messa il vescovo di Padova, monsignor Claudio Cipolla, alla presenza di centinaia di fedeli e a una folta rappresentanza di ufficiali, brigadieri, marescialli, appuntati insieme a militari in servizio e in congedo, oltre ai familiari dei carabinieri deceduti in servizio.

La giornata dell'orfano

Com'è consuetudine, anche quest'anno alla cerimonia della "Virgo fidelis" si è unita quella per la Giornata dell'orfano. L'Arma ha rivolto un pensiero ai circa mille orfani assistiti dall'Onaomac (Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani del Militari dell’Arma dei Carabinieri) a cui il comando generale dell'Arma eroga un sostegno semestrale fino al termine degli studi. L'assistenza agli orfani disabili, invece, è a vita. L'attività è resa possibile dai contributi volontari mensili elargiti da parte dei militari di ogni grado, dalle donazioni di privati e dai canoni di affitto di vari immobili donati o eretitati. Un simbolo del legame che unisce il Corpo ai suoi membri e alle loro famiglie.

Il ricordo del sacrificio

Altra tradizione dell'evento è stata la commemorazione del 78esimo anniversario della battaglia di Culqualber, avvenuta il 21 novembre 1941 nell'Africa orientale dove il I battaglione carabinieri e zaptiè (i membri dell'arma reclutati tra le popolazioni indigene) si è immolato. In quell'occasione i militari dell'Arma si sono sacrificati per difendere un caposaldo rimanendo uccisi e guadagnando la seconda Medaglia d'oro al valor militare per la bandiera dell'Arma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla basilica del Santo si celebra la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma dei carabinieri

PadovaOggi è in caricamento