Il writer che disegna lische sui muri del centro: "Tengo vivo un ricordo distraendo la gente"

"I pesci, sono ispirati da qualcuno, da una persona cara il più delle volte. Poi spesso non sono storie allegre, ma il risultato invece ha un effetto, che invece, spero sia positivo"

Ce ne sono un po' dappertutto. Di più grandi e di più piccoli. Sono tanti i pesci, disegnati sui muri del centro. Probabilmente più di qualcuno si chiede come mai, cosa rappresentano. “Ho già fatto personaggi seriali, come i piccoli guardiani o la brigata delle ossa marce. I pesci, come tutte le cose ho fatto, sono ispirati da qualcuno, da una persona cara il più delle volte. Poi spesso non sono storie allegre, ma il risultato ha un effetto, che invece, spero sia positivo. Distrae, spero, almeno quell'attimo in cui lo si incontra cammninando, o andando in bicicletta”.

Le lische

Quindi perché, le lische di pesce: “Le lische richiamano alle ossa, quindi è vero che c’è un riferimento anche al dolore, alla malattia, ma questo lo so io che li disegno. Non chi li guarda”. 

Cose di strada

“É una cosa di strada - conclude il writer - non c’entra neppure sapere chi sia a farla. Non deve essere perfetta, come i disegni fatti con gli stencil, ad esempio. Infatti sono tutte diverse, non ce n’è una uguale all’altra. Perché per me ogni lisca è una storia, e ogni volta è un episodio diverso”.

IMG_5254-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Stroncato da un malore: imprenditore muore nell'azienda fondata quarant'anni fa

  • Tremendo schianto fra tre mezzi: centauro trentenne muore in ospedale

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Guadagni da 45mila euro al mese: cade un altro pezzo grosso dello spaccio nella Bassa

  • Frontale tra due auto sotto la pioggia: intervengono i pompieri per salvare i feriti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento