Writers identificati e denunciati Sono oltre 400 i graffiti attribuiti

I carabinieri hanno individuato i principali autori della maggior parte dei murales che hanno imbrattato il centro storico e la prima periferia di Padova. Si tratta di quattro giovani. Recuperati materiale e bozzetti

Sono più di 400 le “opere” a cui è stata attribuita la paternità.

4 GIOVANI DENUNCIATI. Al termine di una complessa attività investigativa, i carabinieri della compagnia di Padova hanno individuato i principali autori della maggior parte dei graffiti che hanno imbrattato il centro storico e la prima periferia di Padova. I militari dell'arma hanno eseguito diverse perquisizioni, recuperando il materiale per la realizzazione dei murales e i relativi bozzetti. Quattro i giovani denunciati.

IL SINDACO REGGENTE IVO ROSSI: "Chiedermo che vengano condannati a pulire"

MAPPATURA E FIRME. "Armati" di vernici spray o pennarelli colorati, hanno letteralmente tappezzato la città di graffiti, scritte, “tag” o “pezzi”, come vengono detti in gergo. Il fenomeno ha suscitato un certo sdegno nella popolazione, soprattutto nei proprietari dei muri imbrattati, e nelle amministrazioni locali, chiamate al ripristino della cosa comune, al fine di preservare il decoro urbano. I carabinieri, a ottobre e novembre dell’anno scorso, hanno dapprima mappato la città, scattando centinaia di fotografie ai “tag” più ricorrenti, analizzando gli stili, le caratteristiche comuni, e ogni altra caratteristica utile, schedando così, oltre 800 graffiti. I “tag” - ovvero le firme - a cui i carabinieri di Padova hanno associato gli autori sono: cruise, crsr, coter, resh, rasche, sobe, bruce, lod, nesta, pma.

30 DENUNCE DEI CITTADINI. La successiva attività informativa ed investigativa ha permesso di acquisire elementi utili a fare emergere l’identità dei primi “artisti”, spesso collegati tra loro, o appartenenti ai “crew”, gruppi che condividono fini artistici. L’attenzione degli uomini dell’arma si è concentrata sui sospettati, e la successiva mappatura e scrematura dei graffiti, per altro in continuo aumento, ha permesso di ricondurre a 4 di questi, tra cui uno minorenne, quasi 400 graffiti e scritte varie. I militari si sono anche occupati di raccogliere denunce e querele - una trentina in tutto - da parte di cittadini danneggiati, con quantificazione dei danni subiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE PROVE. Venerdì sono state eseguite le quattro perquisizioni che hanno permesso di dare pieno riscontro alle ipotesi investigative: a casa dei quattro giovani artisti di strada sono state rinvenute, e sequestrate, oltre 100 bombolette spray, decine di “bozze” su carta di opere eseguite o da eseguire in strada. Sequestrati anche i computer e i telefonini, dato che questo genere di artisti è solito riprendersi o fotografarsi mentre opera o pubblicizza la propria opera attraverso i social network. I quattro indagati dovranno rispondere di danneggiamenti e imbrattamenti continuati e aggravati, avendo spesso colpito anche palazzi di interesse storico e coperti da vincoli della sovrintendenza ai beni culturali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento