rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Zaia: «Dalla guerra in Ucraina all'autonomia, 2022 anno delle sfide»

Venerdì 23 dicembre il bilancio della Regione Veneto, dalla tragedia della Marmolada alla carenza dei medici negli ospedali e sul territorio. «Obiettivi 2023: completamento della Pedemontana e autonomia»

Il presidente Luca Zaia e i consiglieri della Regione Veneto sono intervenuti venerdì 23 dicembre da Palazzo Balbi per un bilancio dell'attività svolta durante il 2022. «Non è stato un anno facile - ha esordito il Governatore - un anno pieno di sfide che ha visto il Veneto impegnato su molteplici fronti. Abbiamo iniziato l'anno ancora nel segno del Covid dopo due anni di pandemia. Oggi i dati ci dicono che i decessi per influenza stagionale hanno superato quelli per Covid. Non c'è nulla di cui rallegrarsi ma il picco stagionale dei contagi è stato raggiunto e siamo in una fase di discesa. Rispetto all'anno scorso le cose stanno decisamente cambiando in meglio. Sempre sul fronte sanitario è stato l'anno della carenza di medici sul territorio. L'anno si chiude però con due buone notizie, l'avvio del corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Treviso ma anche l'inaugurazione della Cittadella della Salute all'ospedale Ca' Foncello in programma il 29 dicembre, sempre nel capoluogo della Marca. Sarà una pietra miliare nella storia della sanità veneta».

I temi trattati

Zaia ha poi continuato nel bilancio delle attività svolte e degli avvenimenti salienti degli ultimi dodici mesi. «Il 24 febbraio lo scoppio della guerra in Ucraina ha dato inizio all'aumento dei rincari su bollette e materie prime ma anche ad una grandissima gara di solidarietà tra i cittadini veneti che hanno messo a disposizione risorse e posti letto. Il 2022 è stato l'anno dell'autonomia, una partita che porteremo fino in fondo a tutti i costi, è prevista dalla Costituzione e ci spetta. Dal 20 gennaio sarà online il sito internet (portale ufficiale) dell'autonomia regionale con sette sezioni tematiche per informare cittadini e istituzioni - ha detto il presidente Zaia -. Nonostante la denatalità in tutta Italia il Veneto quest'anno ha avuto 28.464 nuovi nati. Tantissime, purtroppo, le morti a cominciare dalla tragedia della Marmolada la scorsa estate con undici vittime. Tra le opere pubbliche iniziate, non solo i lavori per le infrastrutture di Milano-Cortina 2026 ma soprattutto la Superstrada Pedemontana. A gennaio si aprirà l'innesto sull'A27, entro giugno 2023 inaugureremo  l'ultimo tratto fino a Montecchio, compresa la galleria di Malo. L'obiettivo è chiudere l'opera entro l'anno prossimo. Negli ultimi mesi i transiti hanno iniziato ad aumentare, soprattutto per l'Alto Vicentino».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Dalla guerra in Ucraina all'autonomia, 2022 anno delle sfide»

PadovaOggi è in caricamento