"Caseus Veneti" si farà: il sostegno della Regione alla manifestazione di Villa Contarini

La sedicesima edizione della manifestazione riservata ai formaggi veneti si terrà nella splendida villa di Piazzola sul Brenta il 26 e 27 settembre

La Giunta regionale - su proposta dell’assessore al turismo e alla promozione Federico Caner - ha approvato il provvedimento che finanzia con 100mila euro la realizzazione di uno degli appuntamenti più tradizionali e attesi del programma promozionale del settore primario, “Caseus Veneti”, concorso-manifestazione riservato ai formaggi veneti, evento di promozione e valorizzazione delle produzioni lattiero casearie regionali e dei territori in cui si svolgono, che si terrà a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Pd) il 26 e 27 settembre prossimi (salvo diversa calendarizzazione determinata dall’evolversi della situazione sanitaria legata alla diffusione del Covid-19).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Caseus Veneti"

Promosso dai Consorzi di Tutela e valorizzazione dei Formaggi DOP del Veneto, che hanno delegato anche per il 2020 il Consorzio per la Tutela del formaggio Grana Padano DOP all’organizzazione e al coordinamento, “Caseus Veneti” è giunto alla sedicesima edizione, segnando di anno in anno una crescita di interesse e partecipazione, tanto da richiamare un pubblico di oltre 40mila visitatori e l’attenzione dei principali media locali e nazionali. Sottolinea Caner: «Con la promozione e la valorizzazione delle nostre eccellenze agroalimentari puntiamo a sostenere concretamente le filiere produttive e a dare un fortissimo impulso e una preziosa visibilità al territorio, anche dal punto di vista turistico, cosa di cui abbiamo particolarmente bisogno in questa fase di graduale superamento di uno dei periodi più difficili della nostra storia. La pandemia ha creato difficoltà e incertezza tra i settori produttivi e la Regione sostiene convintamente questa iniziativa come occasione di rilancio per il settore lattiero-caseario e per tutto il sistema agroalimentare veneto, favorendo la realizzazione di una “vetrina” che esponga le produzioni tipiche e di qualità del territorio». Il programma di massima della manifestazione prevede, oltre al concorso, attività e iniziative quali corsi di cucina, cooking show con cuochi emergenti e degustazioni guidate. Anche quest’anno al “Caseus Veneti” saranno in gara numerosi produttori: caseifici privati, cooperative, piccole aziende di trasformazione, malghe, stagionatori e affinatori che operano nella ricerca costante della qualità e nel rispetto delle tradizioni e delle ricette regionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento