Versione padovana delle escargot francesi La ricetta dei "bovoli" dei colli Euganei

Forse non si può dire che i padovani battano i francesi sul tempo, nessuno sa se è nato prima l'uovo o la gallina, ma quel che è certo è che le escargot non sono una prerogativa dei nostri fratelli d'oltralpe. Le chiocciole pullulano infatti anche nei sottoboschi dei colli Euganei, e, se i pregiati molluschi di terra abbondano sulle tavole francesi, perchè mai non dovrebbero costituire una raffinata pietanza anche per i veneti? Domanda retorica, ovviamente, perchè anche noi abbiamo la nostra versione delle escargot.... solo che li chiamiamo "bovoli": i bovoli dei Colli.

Ingredienti:

500 g. di chiocciole sgusciate e pulite.
1 gambo di sedano bianco.
¼ vino bianco secco (Bianco dei Colli).
100 g. passata di pomodoro.
1 ciuffo prezzemolo.
3 spicchi d’aglio.
3 foglie d’alloro.
1 tazzina da caffè d’olio.
50 g. burro.
Sale e pepe q.b.

Ricetta:

Tritate finemente insieme aglio, prezzemolo e sedano. In un tegame, possibilmente di terracotta, sciogliete il burro con l’olio e rosolatevi dolcemente il trito di prezzemolo aglio e sedano. Aggiungete i bovoli con l’alloro e il vino bianco, coprite con un coperchio e cuocete a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto. Quando il vino sarà completamente consumato unite la passata di pomodoro e il pepe. Continuate la cottura per almeno quattro ore in totale, unendo dell’acqua calda qualora ve ne fosse necessità e il sale solo a cottura quasi terminata. Servite i bovoli calde accompagnandole con una buona polenta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento