Coronavirus, aiuti in arrivo per oltre 1.500 aziende agricole padovane

Le 166 aziende agricole di Vo’, zona rossa nella primissima fase dell’emergenza Covid-19, potranno ricevere fino a 7mila euro di contributo

Le 166 aziende agricole di Vo’, zona rossa nella primissima fase dell’emergenza Covid-19, potranno ricevere fino a 7mila euro di contributo “una tantum” grazie al bando del Psr.

1.500 aziende agricole

A darne notizia è Coldiretti Padova, che aggiunge: "4.000 euro, inoltre, è la quota destinata alle circa 450 aziende florovivaistiche, agli agriturismi e fattorie didattiche che durante il lockdown hanno azzerato il fatturato, mentre sono invece previsti 2.000 euro per gli allevamenti di vitelli a carne bianca e per le stalle che producono latte vaccino, insieme alle aziende orticole impegnate nella coltivazione di radicchi, lattuga, asparagi e fragole. Sono oltre 1.500 le aziende agricole padovane che potranno accedere ai contributi stanziati dalla Regione Veneto con il bando sull’emergenza Covid-19, pubblicato nei giorni scorsi dopo il via libera dalla terza commissione del Consiglio Regionale. Per presentare la domanda di sostegno temporaneo eccezionale gli agricoltori e le cooperative agricole di produzione dei settori maggiormente colpiti dall’emergenza Coronavirus hanno tempo fino al 19 ottobre".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

23 milioni di euro

Le risorse disponibili ammontano a 23 milioni di euro e in tutto il Veneto si prevede di dare sostegno a circa 8.700 imprese agricole. Spicca ovviamente la quota di aiuto destinata agli agricoltori di Vo’, che per primi si sono trovati a dover fronteggiare l’emergenza con l’isolamento e il lockdown. Ricorda Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova: «È un un segno di attenzione e di aiuto che avevamo invocato da tempo e che accogliamo con soddisfazione. Certamente rappresenta solo una piccola forma di integrazione del reddito, sostanzialmente azzerato nella prima fase dell’emergenza, oltre che per le aziende di Vo’, per i florovivaisti, gli agriturismi e fattorie didattiche, i produttori di latte e ortaggi primaverili, solo per citare i casi più eclatanti. È tutto il settore primario a dover fare i conti con le ripercussioni dell’emergenza e delle restrizioni, che ancora si fanno sentire. Per questo motivo siamo impegnati da mesi affinché le aziende agricole possano accedere alle varie forme di aiuto, sostegno e integrazione al reddito messe a punto dal Governo e dalla Regione, chiedendo una particolare attenzione proprio per le aziende che stanno subendo i contraccolpi più duri. È necessario poi liberare le aziende dal peso della burocrazia e dare loro la possibilità di mettere in campo tutte le azioni necessarie per la ripresa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento