Apperò…che bella novità!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Eccoci  qui  Natale Capodanno ed Epifania, regali da fare, budget ridotto, cerchiamo rifugio negli store di Apple e Google alla ricerca di un aiuto per far quadrare i conti. Inseriamo nei motori di ricerca i vari coupon, promozioni ed offerte; cerchiamo qualcosa che possa aiutarci a stare nel nostro budget. Appena Entrati non ci lasciamo incantare  “da chi grida di più” e ci incamminiamo alla ricerca  di qualche chicca. Dopo le solite “pseudo-novità”, ci imbattiamo in  Apperò, sviluppatore italianissimo (Mascalzoni Digitali) e gratuita. Il nome ci incuriosisce, il loghetto è una sorridente ed ammiccante borsetta..vogliamo saperne di più.

 

Appena dentro ci rendiamo conto che  “non è la solita App di sconti”.

Subito compaiono le offerte intorno a noi: ristoranti, SPA, lezioni di tedesco, una visita naturopatica, calzature, apparecchi fotografici, occhiali, parrucchiere, caschi da moto, arredamenti e cucine, bottiglieria, batteria di pentole e un super impastatore, finanche i panettoni artigianali per le Feste,   insomma una vera varietà di scelte vicine anzi molto vicine e le vedo sulla Mappa.

Ci rendiamo conto che non viene chiesto di acquistare nulla on line: allora cerchiamo di capire  come funziona?  Nulla di più semplice, ci si avvale degli sconti direttamente presso il punto vendita, scansionando un codice qr.

Nessuna prenotazione e nessun obbligo di sbandierare il coupon per tempo.

La sensazione è di aver trovato qualcosa che funzioni, fluida, ci da la possibilità di registrare il profilo anche utilizzando diversi social, di salvare le offerte preferite ed una serie  di call to action per entrare in contatto con l’inserzionista. Con riferimento ai contenuti Apperò propone sconti accattivanti ma  non stratosferici.

Dopo qualche minuto che siamo dentro abbiamo la sensazione che questa App sia la risposta ad un problema tutto italiano rispetto ad altre realtà: il timore di essere un cliente  “di serie B” e  di essere tacciato come “quello del coupon”.

Non ci resta che provare e decidiamo di passare all’azione. Scegliamo uno degli annunci individuando, data l’ora serale,  un Ristorante Giapponese, prenotiamo  e lo individuiamo sulla Mappa che ci aiuta anche nel percorso; il menu è quello giusto ed arrivati al conto mostriamo il nostro smartphone con la   inserzione del ristorante, ci invitano ad inquadrare un codice qr posto al lato della Cassa ed il ns conto riceve un taglio di 30,00 Euro.

Apperò! Adesso ci sembra persino più caro il nome.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento