Bonavina assessore alla sicurezza, Bertin (Ascom): «Ottima scelta, massima collaborazione»

«La crisi da Covid-19 rischia di offrire sponde pericolose alle infiltrazioni malavitose. Il governo, che non sta mettendo le aziende nella condizione di restare sul mercato»

Nei giorni “caldi” delle spaccate di poco meno di due anni fa il presidente dell’Ascom Confcommercio, Patrizio Bertin, aveva invitato il sindaco Giordani a valutare l’opportunità di affidare ad un assessore la delega alla sicurezza. Il sindaco non solo non aveva aderito alla richiesta ma aveva anche dimostrato di non aver gradito il suggerimento.

Delega alla sicurezza

«Adesso invece - dichiara Bertin - vedo con piacere che l'amico Sergio ha pensato di dare la delega alla sicurezza all'assessore Bonavina e la cosa mi fa doppiamente piacere: in primo luogo perchè lo reputo una persona attenta e al tempo stesso equilibrata che peraltro ha già dichiarato di volersi rapportare con i commercianti e poi perchè credo che la conoscenza del mondo giovanile, cosa che ha avuto modo di sviluppare in quanto assessore allo sport, possa essere di grande aiuto soprattutto laddove sussiste un disagio giovanile che sfocia in atti se non proprio di criminalità, sicuramente di degrado. A mio giudizio in modo scorretto - spiega - si tende a distinguere tra micro e macro criminalità. E' un errore perchè lo scippo, l'effrazione, la spaccata, il furto della bicicletta o della mercanzia per chi li subisce sono pesanti aggressioni alla propria sfera personale. Impedirli significa dare serenità ad una comunità che, per fortuna, non deve fare i conti con crimini di maggiori dimensioni».

Infiltrazioni malavitose

C'è infine un capitolo che il presidente dell'Ascom Confcommercio chiede non sia sottovalutato. «La crisi da Covid-19 - commenta preoccupato - rischia di offrire sponde pericolose alle infiltrazioni malavitose. Purtroppo credo che il governo, che non sta mettendo le aziende nella condizione di restare sul mercato evitando di far pagare tasse che oggettivamente non possono essere pagate, stia offrendo un assist formidabile ad organizzazioni che possono disporre di denaro liquido da riciclare e vedono l'opportunità di farlo inserendosi in un tessuto economico che è ancora sano ma che potrebbe non esserlo più in tempi brevi. Chiaro che il Comune in questo può far poco se non ascoltare e monitorare. Anche un mancato pagamento della Tari può essere un campanello d'allarme che va verificato non per sanzionare ma per capire». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Perde il controllo della bicicletta e viene travolto da un'auto: morto ciclista padovano

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Incendio in un'abitazione a Padova: residente in ospedale con ustioni e problemi respiratori

Torna su
PadovaOggi è in caricamento