menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bertin: "Detassare chi apre un negozio sfitto? Partiamo da piazza De Gasperi e via Trieste"

Area-test per la proposta lanciata del presidente di Ascom Padova ai 104 comuni della provincia

Il presidente dell'Ascom, Patrizio Bertin aveva lanciato la proposta ai 104 comuni della provincia di Padova: "Detassare a livello comunale chi alza le serrande di un negozio sfitto da più di tre mesi". Adesso quella proposta diventa "mirata" nei confronti del Comune di Padova ed, in particolare, nei confronti dell'area piazza De Gasperi - via Trieste liberata, dopo il pit-stop per il murales di Senna, della palazzina ex Avis che, per residenti e commercianti della zona, rappresentava un "attrattore" negativo per spacciatori e (cosiddetta) piccola criminalità.

AREA-TEST DA SPERIMENTARE

“Non entro nella querelle sull’opportunità o meno di salvaguardare il murales – spiega Bertin – ma credo che il Comune di Padova potrebbe recepire la mia proposta facendo di piazza De Gasperi – via Trieste una sorta di area test da sperimentare subito in vista poi di una diffusione a tutto il territorio comunale”. In effetti l’area, dopo i momenti d’oro chiusi definitivamente agli inizi degli anni 2000 (la stessa Ascom ha lasciato gli uffici in passaggio De Gasperi nel 2003), ha conosciuto un progressivo depauperamento delle attività del terziario (non solo negozi, ma anche uffici e attività di servizio) oggi sostituite, ma solo in parte, da negozi etnici. “Ma molti – continua Bertin – restano i negozi desolatamente sfitti per cui se il Comune volesse, si potrebbe pensare ad incentivarne la rinascita proprio attraverso quella detassazione che potrebbe risultare un utile sostegno”. In effetti l’area ha delle buone potenzialità ma, di certo, avrebbe bisogno di una scossa, peraltro agognata dai residenti che, in questi anni, hanno dovuto confrontarsi con un degrado strisciante che ne ha penalizzato anche i valori immobiliari. “Per quanto ci riguarda – conclude il presidente dell’Ascom – a fronte di un intervento del Comune potremmo pensare anche a quello del nostro Fidimpresa per sostenere, a livello creditizio, quanti intendessero insediare la propria attività in una zona oggettivamente a due passi dal centro cittadino”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento