menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente dell'Ascom Padova Patrizio Bertin

Il presidente dell'Ascom Padova Patrizio Bertin

La delegazione dell’Ascom Padova a Roma per l’assemblea generale di Confcommercio

In occasione dell'assemblea generale di Confcommercio, il gruppo Ascom guidato dal presidente Bertin è partito "colorato e colorito" per la volta di Roma

La delegazione dell’Ascom Padova, formata da una cinquantina di rappresentanti di categoria e territorio, è partita giovedì mattina alla volta di Roma in occasione dell’assemblea generale di Confcommercio in programma all'Auditorium della Conciliazione, a due passi da piazza San Pietro.

OBIETTIVI. La delegazione, guidata dal presidente Patrizio Bertin, si è annunciata, come ormai vuole la tradizione, "colorata e colorita" ma il messaggio che lancerà in occasione dell’assise della maggiore organizzazione italiana di imprenditori sarà svelato solo più tardi: "Il nostro obiettivo è rappresentare le preoccupazioni di commercio, turismo e servizi in ordine all'aggiustamento dei conti dello Stato", anticipa il presidente Bertin. 

COLORATI E COLORITI. "Colorati e coloriti sì, perché indossiamo delle magliette azzurre  – continua Bertin –. Abbiamo con noi uno striscione volto ad esprirmere tutte le nostre preoccupazioni in ordine all’aggiustamento dei conti da parte del Governo".

SLOGAN. "Il Paese che di Iva ferisce di mancati consumi perisce". Hanno condensato in questo slogan, stampato sullo striscione srotolato all'assemblea di Confcommercio, la loro preoccupazione per un eventuale aumento della tassazione. Guidati dal presidente Patrizio Bertin, dal direttore generale Otello Vendramin e dai vicepresidenti Franco Pasqualetti, Michele Ghiraldo, Silvia Dell'Uomo e Ilario Sattin, gli associati all'Ascom, ai quali si è aggiunto anche il presidente della Camera di Commercio, Fernando Zilio e che sfoggiavano una maglietta azzurra con l'hashtag #Ascomsonoio, hanno avuto una doppia soddisfazione. Dapprima hanno avuto il piacere di sentire nell'intervento del presidente nazionale di Confcommercio, Carlo Sangalli, una forte presa di posizione sulla necessità che l'IVA non aumenti (pena la desertificazione dei consumi) ma poi hanno anche avuto la conferma dal ministro Carlo Calenda che il provvedimento non è all'ordine del giorno ne' nella sua agenda ne' in quella del premier Gentiloni e del ministro Padoan.

CALENDA. Ma Calenda, ribadendo a più riprese che deve essere il pragmatismo quello che deve condurre l'attività di governo, ha avuto parole rassicuranti anche in materia di licenze per gli ambulanti ("Va distinto -ha detto- che vive del proprio lavoro da chi vive di rendita") e di incentivi alle imprese in una logica di sburocratizzazione e di reale sostegno a chi investe.

BERTIN. In precedenza Sangalli aveva sostenuto le ragioni del terziario in materia di voucher e aveva ribadito l'orgoglio di un comparto che, a dispetto di tutto e di tutti, in questi anni di crisi ha tenuto barra dritta a sostegno dell'occupazione. "Dall'assemblea di Confcommercio - ha commentato al termine dell'incontro il presidente Bertin - esce una confederazione molto decisa sui temi centrali dello sviluppo economico ed un'Ascom che, ancora una volta, costituisce la punta di diamante di un associazionismo che intende farsi sentire anche con iniziative come le nostre che i colleghi delle altre regioni dimostrano di apprezzare".

DANNO PER TUTTI. E a riprova di quanto asserito dal presidente, la richiesta da parte dei colleghi di altre province di farsi fotografare con lo striscione padovano. "D'altra parte - hanno detto i colleghi de L'Aquila - l'aumento dell'Iva sui consumi sarebbe un danno per tutti".

Schermata 2017-06-08 alle 14.46.24-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento