Emergenza Covid: autobus operator, settore in ginocchio, 42milioni di mancati ricavi

Daniele Rigato: «L’assenza di turismo e la chiusura delle scuole hanno messo in ginocchio il settore. Amministrazioni comunali e Regione devono capire che senza di noi non potranno riprendere servizi fondamentali per i cittadini»

Quarantadue milioni di mancati ricavi per i soli mesi di marzo aprile e maggio e una prospettiva di mercati bloccati almeno sino a fine anno. Sono i numeri, drammatici, del comparto del trasporto privato nella provincia di Padova, tra attività di bus operator e transfer vari. Stime che riguardano 57 imprese per 427 autobus effettivi in servizio (Fonte: registro Legge Regionale 3 aprile 2009 n. 11). Mezzi fermi, bloccati nei rispettivi depositi. Lo stop di fine febbraio a qualunque spostamento, dal turismo agli eventi aziendali sino agli incontri sportivi, dalle mostre alle scuole, ha infatti bloccato tutti i possibili mercati. E l'ha fatto nel periodo stagionale in cui, notoriamente, viaggi organizzati, gite di gruppo e turismo in genere sarebbero state in pieno boom.

Risparmi personali

«Chi sta sopravvivendo lo fa solo grazie ai risparmi personali – ammette il Delegato della categoria autobus operator di Confartigianato Imprese Padova Daniele Rigato - la maggior parte delle aziende è letteralmente ferma da quasi 3 mesi e senza prospettive per almeno un anno: ci sono aziende che con i servizi scolastici potranno, forse, riprendere a settembre. Ma tutte le altre – quelle più piccole - che vivevano solo dei viaggi organizzati hanno davanti un futuro davvero incerto. Primavera ed estate, peraltro, sono l'alta stagione di questo comparto». I dati sul turismo dicono che solo marzo ed aprile portano in Italia 1'11,3% delle presenze turistiche dell'anno. Nelle tre regioni fin da subito interessate maggiormente dall'emergenza coronavirus, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna si concentra un terzo (34,7%) delle presenze turistiche nazionali, valore che sale al 37,5% nel caso delle presenze di stranieri. Solo per dare una idea di quello che sta accadendo, basta guardare agli arrivi italiani e stranieri nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio del 2019. In regione erano arrivati 4 milioni e mezzo di persone (il 63% stranieri) per un totale di 15 milioni e 700 presenze.

Fatturato perso

«Immagiate tale flusso di persone quanti mezzi al giorno movimentano – afferma Rigato -. Durante questi mesi si faceva il 60% del fatturato annuo. Ora stiamo ricevendo solo richieste di cancellazioni. Il problema maggiore è la riprogrammazione, difficilissima vista la completa assenza di prospettive su come e dove ci si potrà muovere. Le stime - al ribasso - parlano di attività ridotte anche del 100% e mancati guadagni, per un'azienda media, di almeno 500 mila euro». Oltre al problema dei mancati incassi dovuti all’assenza del turismo, il settore deve fare i conti anche con la chiusura delle scuole, che ha implicato il fermo degli scuolabus: «I comuni non hanno saldato le fatture di marzo e aprile, regolarmente emesse dalle imprese in base a quanto previsto dal decreto ”cura Italia” – spiega Rigato -. Faccio appello, dunque, alle amministrazioni comunali perché si apra un dialogo basato sul buonsenso, in considerazione anche di quanto previsto dal “decreto rilancio” di recente pubblicazione, per non arrivare ad un contenzioso che rappresenterebbe un danno per tutti. Le aziende del trasporto hanno bisogno di sopravvivere o la ripresa di servizi fondamentali per i cittadini sarà compromessa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ditte private

L’appello di Rigato è condiviso anche dal presidente di Confartigianato Imprese Padova Roberto Boschetto, che aggiunge: «Un paio di settimane fa, assieme alle altre organizzazioni di categoria, abbiamo chiesto all'assessore regionale ai trasporti Elisa De Berti di valutare l'impiego dei mezzi delle ditte private per supportare le aziende di trasporto pubblico locale, in cui solo pochissime aziende private sono già normalmente impiegate. Auspichiamo che tale proposta venga accolta in modo da integrare i servizi delle aziende municipalizzate nel momento in cui, se non vi saranno cambiamenti rispetto ai protocolli di sicurezza, gli spostamenti inizieranno a tornare alla normalità. La categoria dei trasporti non ha mai chiesto aiuti, ma la situazione di emergenza richiede risposte urgenti. Non possiamo far morire un intero comparto».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento