menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Black Friday 2015 (foto Facebook)

Il Black Friday 2015 (foto Facebook)

Black Friday: 100mila persone, 300 negozi, affari per 5 milioni "Qualcuno non coglie lo spirito"

L'edizione 2015 della manifestazione si chiude con risultati di grande rilevanza ma anche con un pizzico di polemica da parte del presidente dell'Ascom Patrizio Bertin: "I grandi marchi non ne capiscono il senso"

Superate le 100mila persone, oltre 300 i negozi aderenti, un volume d'affari ancora da quantificare con precisione ma di sicuro in linea con il dato dello scorso anno che si attestò intorno ai 5 milioni di euro: va in archivio con questo lusinghiero risultato la terza edizione del Black Friday Padova, la manifestazione ideata dal presidente dell'Ascom, Patrizio Bertin, sostenuta dall'amministrazione comunale, organizzata dall'agenzia World Appeal e condivisa, col passare degli anni, da altre associazioni di categoria.

RISULTATI E UN "PIZZICO" DI POLEMICA. Un'edizione, quella di venerdì, che si chiude con due risultati di grande rilevanza ma anche con un pizzico di polemica da parte dello stesso Bertin. "I risultati straordinari - commenta il presidente dell'Ascom - sono la conferma della validità dell'iniziativa anche quest'anno frequentatissima e la sconfitta della paura. Alla vigilia, visti i fatti di Parigi e le allerte che si susseguono anche nel nostro Paese, avevamo grandi timori sulla risposta della gente, che invece ha colto l'occasione del Black Friday per dire che non dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere e di pensare sotto la minaccia del terrorismo. Tanti padovani, ma anche tanti, soprattutto giovani, provenienti da fuori regione hanno affollato il centro ma, soprattutto, hanno affollato i negozi, comprando. Il nostro obiettivo, a questo punto, è fare in modo che Black Friday diventi un evento il più possibile diffuso in città in modo da poter coinvolgere quanti più colleghi possibile".

"DISATTESO LO SPIRITO DEL BLACK FRIDAY". Bertin ha affiancato la vicesindaco ed assessore al Commercio, Eleonora Mosco, nel dare il via alla manifestazione, durante la quale ne ha seguito l'evolversi, andando a consultare i colleghi commercianti. "Purtroppo - dichiara il presidente dell'Ascom - più di qualcuno o non ha aderito ma ha comunque tenuto aperto godendo del vantaggio della manifestazione o comunque ha disatteso lo spirito del Black Friday, che è quello di scontare al massimo una serie di articoli e non, come hanno fatto, di un 20/30/40% indistinto. Così si finisce per appiattire l'offerta vanificando lo spirto dell'iniziativa, che è quello di correre ad accaparrarsi 'l'affare'".

"QUALCUNO HA SALTATO LA PAUSA". "In più di un caso, poi, abbiamo assistito al mancato rispetto della pausa tra le 19.30 e le 20.30 - continua - il conto alla rovescia e la riapertura del negozio con chi sta davanti all'ingresso pronto a fare il suo scatto per conquistare il capo scontato anche dell'80% è l'anima del Black Friday. Non capirlo significa non aver compreso che solo caratterizzando l'evento questo può diventare tradizione, ed è su questo che dovremo fin da subito intavolare con i grandi marchi un ragionamento per non ricadere nell'errore". Polemica a parte, il risultato c'è stato. "Una conferma - conclude Bertin - che Padova è e rimane la piazza commerciale più importante del Nordest. Sta a noi sfruttarla come si deve". 

CONTROLLI DELLA POLIZIA. Durante l'evento la divisione anticrimine della polizia ha monitorato lo svolgersi della manifestazione. Il bilancio dei controlli è di tre contravvenzioni ai dnni di altrettanti automobilisti e di un ragazzino di 21 anni sorpreso a rubare profumi al negozio Coin di via Altinate.

Approfondimenti
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento