Rimborsi a rischio per il bonus auto e bici, Bertin: «Semplicemente inaccettabile»

«Se, come viene annunciato, solo la metà potrà ottenere il rimborso e potrà ottenerlo attraverso un “click day”, il fallimento di questa politica dei bonus sarà totale»

«Semplicemente inaccettabile». A Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova bastano due parole per definire quanto sta accadendo a livello di bonus previsti dal governo ma che rischiano di fare più danni che benefici. «Dopo che abbiamo ottime probabilità di restare a piedi con l’auto – commenta sarcastico il presidente – rischiamo anche di non poter andare in bicicletta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fallimento

In effetti, dopo che sono sorti problemi in ordine agli incentivi per le auto (“La gran parte delle risorse è stata destinata ai veicoli elettrici che, dati i costi, sono ancora poco richiesti; viceversa la fascia a più alto interesse, quella più vicina alle tasche dei consumatori e che potrebbe dare, questa sì, una spinta determinante al rinnovo del parco, mediamente vecchio di più di dieci anni, può contare su risorse molto limitate”), adesso la preoccupazione sta trasferendosi su bici e monopattini. «Se, come viene annunciato dalla stampa – continua il presidente dell’Ascom Confcommercio – solo la metà potrà ottenere il rimborso e potrà ottenerlo attraverso un “click day”, il fallimento di questa politica dei bonus sarà totale». Già non è andata bene con i bonus vacanze (“Al momento non c’è stato un grande utilizzo e praticamente pochi hanno aiutato le città d’arte”), ma se anche auto e bici dovranno fare i conti con destinazione di fondi esigui o completamente sballati, sarà necessario che il governo ci metta una pezza. «Le promesse – conclude Bertin – vanno mantenute e la burocrazia non può remare contro altrimenti si innesca una sfiducia profonda tra cittadini e istituzioni che non può che danneggiare il vivere civile. Per cui: il governo provveda a rifinanziare se serve rifinanziare e a meglio definire dove serve meglio definire».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento