menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro commerciale Due Carrare, Bertin Ascom:"Sindaco“Dr Jekyll e Mr Hyde”"

Dopo l'incontro dei giorni scorsi, il presidente dell'associazione padovana lamenta una scarsa chiarezza da parte del primo cittadino del Comune al centro della polemica

“Ci mancava solo il bus navetta dalla stazione di Cornegliana con funzione di trasporto turisti e cittadini di Due Carrare per andare al centro commerciale per capire in pieno che c’è molta confusione nei nostri amministratori”. È rammaricato il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin perché gli sembra di interloquire con un sindaco “Dr Jekyll e Mr Hyde”.

INCONTRO.Quando l’abbiamo incontrato nei giorni scorsi – spiega il presidente dell’Ascom – ci ha detto che il centro che verrà costruito sotto la sua amministrazione (e la storia questo se lo ricorderà al di là delle sue buone intenzioni) è frutto di atti pregressi che lui è costretto a subire. Poi però, in conferenza stampa, cambia i toni e mette in risalto i “vantaggi” dell’operazione: occupazione, family park, finiture di alta qualità (sic!)".

GIUSTIFICAZIONI. “Sembra di essere a Disneyland – continua un sempre più incredulo Bertin – dove la finzione e la realtà si sovrappongono e dove si cerca di imbellettare ciò che non è giustificabile”. Giustificazioni che, per Bertin, nonostante il sindaco richiami, giustamente, che il “peccato originale” fa data dal 1994, non reggono di fronte ad uno sfregio che non ha precedenti.

SIA CHIARO. “Al sindaco – continua il presidente dell’Ascom – chiedo di gettare la maschera: se è favorevole che finisca di farci sentire la sua vicinanza, se è contrario che lo dica chiaramente e faccia tutto ciò che è in suo potere per disinnescare una “bomba ecologica” che finirà per annientare la sua comunità”.

PRONTI A MANIFESTARE. Nel frattempo all’Ascom studiano le mosse per mettere più bastoni fra le ruote di Deda, la società che dovrebbe realizzare il mega centro. “Di una cosa comunque – conclude Bertin – deve rendersi conto il sindaco: se sarà necessario porteremo i commercianti sotto le finestre del municipio. Lo abbiamo già fatto e siamo intenzionati a farlo ancora”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento