rotate-mobile
Economia Due Carrare

Centro commerciale Due Carrare, Ascom chiede le dimissioni del sindaco Moro

Pasqualetti, vice-presidente Ascom: "Il sindaco dica da che parte intende stare, se con i cittadini o con chi ha deciso che per fare i propri affari deve deturpare il territorio"

Continua il dibattito sull’ipotesi di costruzione del centro commerciale di Due Carrare dopo l’incontro di martedì sera. Secondo Ascom, il sindaco Due Carrare Davide Moro dovrebbe dimettersi, o in alternativa dovrebbe essere il Pd a sfiduciarlo.

IL VICE PRESIDENTE. "E’ tempo che il sindaco dica chiaramente da che parte intende stare - spiega il vicepresidente dell'Ascom, Franco Pasqualetti- se con i cittadini o con chi ha deciso che per fare i propri affari deve deturpare un territorio che, una volta sfregiato, non potrà più essere goduto dalle future generazioni. Purtroppo  non è vero che il sindaco sia così neutrale come vorrebbe far credere. Se non interverrà un nuovo accordo di programma, la Deda potrà  costruire solo "casette" isolate anche se collegate, ma non un blocco compatto, ovvero potrà applicare la filosofia degli outlet che non è esattamente la sua, per cui non vedo perché il comune di Due Carrare dovrebbe sottostare alla richieste della Deda che, se non accolte, con ogni probabilità ne determinerebbero la rinuncia".

DIMISSIONI. "A San Giorgio delle Pertiche - attacca il presidente dell'Ascom Patrizio Bertin, in questi giorni bloccato da un fastidioso mal di schiena - le "Centurie" non raddoppieranno perché il Pd ha, di fatto, sconfessato l'operato del sindaco sua espressione. Io chiedo che il Pd, che esprime il sindaco Moro, faccia lo stesso anche a Due Carrare: lo sfiduci o, comunque, gli faccia sapere che sul partito, in assenza di un suo passo indietro, potrebbero ricadere le giuste rimostranze di una popolazione che non elegge solo il sindaco di Due Carrare, ma di molti altri comuni di un territorio che abbraccia buona parte della provincia".  

ESSERE PRESENTI.  "E a dispetto del sindaco Moro - conclude Pasqualetti - che martedì sera non è stato tenero con la stampa, noi continueremo ad essere presenti in ogni ambito dove l'argomento centro commerciale di Due Carrare sia all'ordine del giorno, siano esse le riunioni ufficiali convocate l'8 agosto in pieno periodo di ferie, siano gli interventi sulla stampa che, fino a prova contraria, è ancora libera e svolge un ruolo importantissimo a difesa di un'opinione pubblica spesso volutamente lasciata all'oscuro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro commerciale Due Carrare, Ascom chiede le dimissioni del sindaco Moro

PadovaOggi è in caricamento