Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Claudia Ponzi di Padova finalista del progetto “Dove c’e’ pasta c’e” con la performance “Feedback”

E' uno degli studenti della NABA la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano selezionato tra i finalisti del progetto “Dove c’è pasta c’è…”, lanciato da Barilla, NABA e Young & Rubicam, con l’obiettivo di sostenere e stimolare la creatività dei giovani artisti sul tema della pasta

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Claudia Ponzi, di Padova, è uno degli studenti della NABA la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano selezionato tra i finalisti del progetto "Dove c'è pasta c'è…", lanciato da Barilla, NABA e Young & Rubicam, con l'obiettivo di sostenere e stimolare la creatività dei giovani artisti sul tema della pasta.

Circa 400 studenti del Dipartimento di Arti Visive, Performative e Multimediali NABA, diretto da Marco Scotini, sono stati invitati a interpretare il valore della pasta con il linguaggio delle performing arts, un'espressione artistica innovativa capace di creare un'interazione diretta con il pubblico attraverso la sintesi di diverse forme d'arte visiva (danza, recitazione, scenografia, allestimento video) in un unico spettacolo.

Una giuria di esperti ha selezionato sei gruppi finalisti, tra cui quello di Claudia Ponzi, insieme ai suoi due compagni Guendalina Cerruti e Francesca Pia Ciuffreda.

"Ho subito deciso di aderire a questo progetto per mettermi alla prova e avere l'opportunità di essere valutato da alcuni tra i più autorevoli esperti di arte contemporanea - afferma Claudia - Mi aspettavo una grande collaborazione da parte delle mie compagne e da parte dell'azienda e non sono stata delusa."

Per Claudia e le sue compagne, l'arte performativa è un confronto in continua evoluzione. "Performare vuol dire spesso sperimentare, reimmaginare una storia, rappresentare un concetto. Spesso gli artisti si approcciano al cibo come qualcosa di negativo, noi invece volevamo trasformarlo in qualcosa di positivo. Siamo partite dall'idea di aiutare il prossimo in una situazione in cui non ce ne sarebbe bisogno: entrare nel suo spazio vitale, imparando ad imboccarlo. A questo gesto verranno conferiti gli stessi valori che Barilla desidera comunicare attraverso la pasta: il senso della famiglia, la convivialità e l'aiuto".

La performance "Feedback" di Claudia Ponzi sarà rappresentata durante l'evento di premiazione, giovedì 6 giugno alla serata conclusiva. Il gruppo vincitore sarà valutato e premiato da una giuria d'eccellenza, formata dai principali esperti di arte contemporanea di livello internazionale del calibro di Grazia Quaroni, Curatore Fondation Cartier pour l'Art Contemporain di Parigi, Michelangelo Pistoletto, artista e direttore artistico Fondazione Cittadellarte, Biella Anna Mattirolo, Direttore MAXXI di Roma e Jens Hoffmann, Deputy Director del Jewish Museum di New York. Il voto della Giuria Tecnica sarà affiancato dalla valutazione della community on line che avrà un peso importante nella selezione.

In premio, gli studenti del gruppo vincitore saranno ospitati dal 26 agosto all'8 settembre 2013 presso ABA (Air Berlin Alexanderplatz), una residenza d'artista fondata da Susanne Kriemann e Aleksander Komarov, per approfondire la loro ricerca e conoscere a fondo una delle città più importanti al mondo nell'ambito dell'arte contemporanea. Nello specifico ABA ha elaborato un programma ad hoc per gli studenti NABA che consentirà loro di incontrare artisti internazionali e visitare gallerie attive a Berlino, curatori e critici d'arte, con una serie di visite guidate in alcuni spazi espositivi di rilievo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Claudia Ponzi di Padova finalista del progetto “Dove c’e’ pasta c’e” con la performance “Feedback”

PadovaOggi è in caricamento