rotate-mobile
Economia Sacra Famiglia / Via Asolo, 2

Donne imprenditrici e startup: gli studenti del liceo incontrano il mondo del lavoro

Cinque donne hanno spiegato come nasce un'idea imprenditoriale ai ragazzi dell'istituto superiore Leonardo Da Vinci. Oltre 300 i partecipanti al Piccolo Teatro Don Bosco di Padova

I ragazzi delle classi quinte dell'istituto di istruzione superiore "Leonardo da Vinci" di Padova hanno ascoltato le testimonianze delle startup partecipanti al concorso Donna e lavoro 2016:  BadaPlus, Kesia concept, Kiiva international e Mekello che, lunedì mattina, hanno raccontato la loro esperienza imprenditoriale all'evento "Autoimprenditorialità e startup" organizzato dall’Agenzia per il lavoro Eurointerim spa al Piccolo Teatro Don Bosco a Padova. Al meeting 300 persone hanno seguito con attenzione le donne imprenditrici che sul palco hanno trasmesso alla platea fatiche e soddisfazioni di un percorso importante.

L'APP PER LE BADANTI. Barbara Gamba ha spiegato il progetto BadaPlus che è un'applicazione che rappresenta un semplice e nuovo sistema di pianificazione e monitoraggio a distanza per rimanere costantemente aggiornato ed in contatto con il proprio familiare assistito a domicilio. BadaPlus per smartphone e tablet android ed apple si articola in 5 aree di attività. Il familiare, attraverso la configurazione, individua i compiti che l’assistente familiare o il caregiver andrà a svolgere e il giorno e l’ora in cui devono essere svolte. Il sistema consente di scegliere le attività tra quelle preimpostate, aggiungerne altre, condividere un piano di lavoro, verificare e ottenere un report giornaliero con le attività svolte e parametri rilevati.

IL GIOIELLO CON I CHARMS. Carla Morgantini Francisci, del progetto Kesia Concept, terzo classificato al concorso Donna e lavoro 2016, ha presentato la sua startup nata con lo scopo di reintrodurre le millennials a un settore che ha dato la gloria alla gioielleria "made in Italy", grazie a una innovativa tecnologia con un forte contenuto stilistico e di design. La giovane creativa di Roma ha creato un tipo di gioiello componibile con dei "charms" (componenti) in Arg 925 rodiato e pietre preziose, con un prezzo estremamente competitivo rispetto alla concorrenza quindi accessibile al target desiderato.

L'APP PER GLI STUDENTI. Anita Da Ros, del progetto Kiiva International, ha esposto la sua startup che ha l'obiettivo di supportare studenti e lavoratori che intendono trasferirsi all'estero per un breve periodo o per un periodo di tempo indeterminato, per motivi di studio o di lavoro. Una piattaforma web e un’app che rivoluzionerà il modo in cui i datori di lavoro potranno cercare e trovare studenti qualificati e laureati, per offrire loro opportunità di stage, internship e posizioni junior in Italia ma anche all’estero.

CORSI DI SOCIAL MARKETING. Annabella Sperotto e Benedetta Nicodemo hanno illustrato il progetto Mekello, partecipante alcConcorso Donna e lavoro 2016. La loro Startup è una piattaforma di corsi dedicata al social making, un punto d’incontro di domanda (allievi) e offerta (insegnanti) per il mondo della manualità e dell'autoproduzione. Gli insegnanti, non necessariamente professionisti, ideano il corso, lo inseriscono, gestiscono le iscrizioni sulla piattaforma e lo realizzando poi presso la propria abitazione. Gli allievi possono visualizzare i corsi geolocalizzati, iscriversi e, dopo aver partecipato, lasciare un commento sull’insegnante e sul corso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne imprenditrici e startup: gli studenti del liceo incontrano il mondo del lavoro

PadovaOggi è in caricamento