menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Padova spariscono 3 imprenditori al giorno. Confapi: "Perdiamo un patrimonio"

1000 imprenditori in meno tra il 2016 e il 2017, con un fenomeno che investe tutti i settori mentre aumentano gli extracomunitari. Valerio: "Fanno i lavori che i nostri ragazzi non vogliono più fare, ma che rimangono necessari"

Il quadro tracciato da Confapi fa paura: il numero degli imprenditori sul territorio è sceso di altre 1.052 unità in un anno, seguendo una tendenza negativa che non si arresta dal 2009. Parallelamente il totale degli imprenditori provenienti dall’estero è salito ancora dell’1,3% e coinvolge anche settori in crisi.

Numeri impressionanti

Duro il commento del presidente Carlo Valerio: "Il tessuto imprenditoriale sta cambiando, l’integrazione nel rispetto delle regole rimane l’unica via. Ma nel manifatturiero e nelle costruzioni rischiamo di disperdere il nostro valore aggiunto". Sembra un quadretto tinto da luoghi comuni quello che sorge guardando l'imprenditori veneta: muratori dalla Romania, bazar di cinesi, rivendite di frutta e verdura gestite da nordafricani. La realtà è che aumentano gli imprenditori stranieri, a Padova come nel resto d’Italia, mentre il numero totale degli imprenditori cala. Lo attesta la fotografia scattata da Fabbrica Padova, centro studi di Confapi: al 31 dicembre 2017 gli imprenditori (titolari, amministratori o soci) operanti in provincia erano 137.111, 1.052 in meno rispetto ai 138.163 del 31 dicembre 2016, con una diminuzione dello 0,8%. Come se ogni giorno se ne perdessero 3, circa 20 a settimana.

Variazioni sensibili

Un calo che, dal 2009 in poi, non si è mai arrestato (nel 2008 le persone che ricoprivano cariche imprenditoriali erano 152.267, circa 15mila più di oggi). Il quadro rispecchia quello nazionale perché, nello stesso arco temporale, gli imprenditori italiani sono scesi da 8,9 milioni a meno di 8,3 milioni. Allo stesso tempo si nota, però, come a crescere sia il numero di imprenditori extracomunitari, ormai da 2 anni ben sopra quota 8mila, con 8.181 persone, lo 0,6% in più rispetto agli 8.134 di 12 mesi prima, e degli stranieri (comunitari e non) in generale: sono 10.865, 136 in più (+1,3%) rispetto ai 10.729 del 2016.

I dati Confapi-2

I settori coinvolti

Sviscerando i dati messi a disposizione dalla Camera di commercio di Padova si nota come sull’insieme pesi la riduzione degli imprenditori che si registra per costruzioni (-2,5%), manifatturiero (-1,4%), commercio-turismo (-1%) e in parte anche nell’agricoltura (-0,6%). Rimane invece di poco positiva la dinamica nei servizi alle imprese (+0,1% contro la parziale riduzione a livello regionale) e nei servizi destinati alle persone (+1,4%). Circa i dati relativi alle presenze straniere, gli imprenditori cinesi risultano ancora la nazionalità prevalente (2.314 unità), con una crescita dello 0,3%. Tra le principali nazionalità, gli incrementi più significativi riguardano gli imprenditori romeni (seconda presenza per entità assoluta, con 1.580 unità) oltre agli imprenditori provenienti da Albania (592) e Moldavia (435).

Integrazione e voglia di fare

"Grazie al nostro centro studi monitoriamo questi dati con regolarità e il risultato che emerge è sempre lo stesso, tant’è che possiamo parlare di una vera e propria tendenza. Sono numeri di fronte ai quali non possiamo far finta di niente, anche perché non riguardano solo i settori in cui più facilmente si sarebbe portati a pensare a un aumento degli imprenditori stranieri, come il commercio e la ristorazione". A parlare è Carlo Valerio, presidente di Confapi Padova. "A questo punto sono due le considerazioni che credo sia il caso di fare. La prima: occorre provare a governare questo fenomeno cercando di favorire l’integrazione, perché è l’unico modello di sviluppo da seguire e un’opportunità per far crescere tutto il territorio. Alla base, occorre ribadirlo con forza, ci deve tuttavia essere un comune sostrato di regole e valori condivisi, che non lascino spazio a chi vuole inquinare il nostro tessuto economico. E arrivo alla seconda riflessione, soffermandomi su manifatturiero e costruzioni: i numeri confermano le impressioni che ha chiunque giri attraverso i cantieri del territorio, e cioè che stanno sparendo gli imprenditori e la manodopera italiana. In altre parole, ci riferiamo a lavori che i “nostri” ragazzi non vogliono più svolgere e che, però, sono e rimarranno necessari. Il rischio è che si disperda quel patrimonio di professionalità che per tanti anni ha caratterizzato le nostre aziende".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento