Veneto penalizzato dai consumi in caduta: a Padova stimata una perdita di 2,5 miliardi

In termini percentuali siamo al -15,1% contro il -10,9% che è il dato nazionale e che, in valori assoluti, significano una perdita pari a 116 miliardi, qualcosa come 1.900 euro pro capite

Alla fine saranno 14 miliardi e 300 milioni: a tanto, infatti, ammonterà la perdita, in termini di consumi, per ciò che riguarda il Veneto. A dirlo è l’Ufficio Studi di Confcommercio che ha stimato i consumi dell’intero 2020 nel nostro Paese basandosi sui dati dei primi due trimestri dell’anno in corso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le cifre

«Una cifra impressionante – commenta il presidente di Confcommercio Veneto e Confcommercio Ascom Padova, Patrizio Bertin – che, da sola, la dice lunga sulla necessità di provvedimenti rapidi che invece tardano ad arrivare». In termini percentuali siamo al -15,1% contro il -10,9% che è il dato nazionale e che, in valori assoluti, significano una perdita pari a 116 miliardi, qualcosa come 1.900 euro pro capite. Per Padova la stima è nell’ordine di 2,5 miliardi di euro. Peggio del Veneto, in valori percentuali, solo il Trentino Alto Adige che denuncia una flessione del 16%. «Una conferma – continua Bertin – dell’importanza del turismo per la nostra realtà, pesantemente penalizzata dall’assenza degli arrivi dall’estero ed, in parte, anche da una diminuzione dei redditi delle famiglie, fenomeno che interessa più il Nord che il Sud. Purtroppo – conclude Bertin – l’Ufficio Studi di Confcommercio valuta in ben cinque anni il tempo che servirà per tornare ai livelli di spesa pro capite del 2019: un tempo lunghissimo che va ridotto attraverso provvedimenti che attivino, anche grazie ai fondi europei, interventi incisivi e, soprattutto, rapidi. Di sicuro il tempo non gioca a nostro favore e nemmeno l’incertezza che rischia di diventare la vera palla al piede di un Paese che, a forza di rinviare, rischia di morire d’inedia»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento