Coronavirus, dal Ministero delle Politiche Agricole segnali di sostegno al settore

La lettera del Ministro delle Politiche Agricole Bellanova inviata al collega della Salute Roberto Speranza e al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte coglie le esigenze del mondo agricolo in riferimento all’emergenza Coronavirus

La lettera del Ministro delle Politiche Agricole Bellanova inviata al collega della Salute Roberto Speranza e al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte coglie le esigenze del mondo agricolo in riferimento all’emergenza Coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sostegno

Commenta Coldiretti Padova, ricordando la specificità della zona rossa nella nostra provincia, a Vo': «Alcuni dettagli evocati nel testo sono espressione delle difficoltà vissute dalle imprese soprattutto vitivinicole. Il divieto di entrata e uscita dall’area sensibile impedisce oltre al trasporto di tutti i trasformati verso piattaforme logistiche e le consegne alla grande distribuzione organizzata, anche le normali procedure legate sia all’amministrazione burocratica che al processo di vinificazione. La grande concentrazione, inoltre, di attività agrituristiche evidenzia perdite economiche significative con il continuo fioccare di disdette. Per gli agricoltori come per tutti i cittadini è importante qualsiasi segnale di ritorno alla normalità», precisa Coldiretti. Che evidenzia inoltre l’approssimarsi della stagione di raccolta di ortaggi come gli asparagi, ad esempio, per i quali si impiega la manodopera straniera, in particolare di nazionalità rumena: «La misura restrittiva della quarantena per 14 giorni imposta dal Ministero della Sanità di Bucarest riguarda le persone che arrivano via terra in Romania dal Veneto e dalla Lombardia o quelle che hanno viaggiato in aereo nelle ultime due settimane. Una decisione che ha provocato il rifiuto degli impegni di lavoro da parte dei cittadini romeni in Italia proprio alla vigilia della primavera in concomitanza con la ripresa dell’attività nei campi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • In prima linea contro il Covid nonostante la malattia: l'Ulss 6 piange Francesco Di Martino

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

  • Coronavirus, positivo un 11enne che frequentava un centro estivo cittadino: tamponi a tappeto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento