Coronavirus, tavolo di sicurezza: «Superare i codici Ateco e far aprire le aziende»

Lo afferma l’assessore allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato dopo l’incontro di giovedì sulla declinazione dell'accordo di tutela e sicurezza dei lavoratori

«La fase dei codici Ateco è superata e il governo deve puntare ad una evoluzione del Dpcm che preveda di supportare la riapertura di tutte quelle attività produttive che riescono a garantire la ripresa delle attività lavorative con la massima sicurezza di tutti gli operatori coinvolti nei cicli produttivi». Lo afferma l’assessore allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato alla conclusione dell’incontro di giovedì sulla declinazione dell'accordo di tutela e sicurezza dei lavoratori e delle procedure possibili per la ripartenza tenutosi oggi pomeriggio in videoconferenza con sindacati e associazioni di categoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovo modello produttivo

«Ho precisato la mia convinzione su come sia necessario che il governo tenga conto della peculiarità delle singole regioni – sottolinea ancora Marcato – capisco che siano necessari provvedimenti omogenei e linee di indirizzo uniche, ma è fondamentale valutare che le varie regioni sono state colpite in maniera differente dal Coronavirus, con un impatto sociale ed economico molto differente da regione e regione, in particolare proprio in quelle realtà, come Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna dove si genera metà del PIL nazionale». Infine l’assessore regionale allo sviluppo economico pone l’accento sul piano industriale per ridisegnare il futuro del nostro Paese e, nello specifico, del Veneto dopo quanto provocato dalla pandemia Covid-19. «In questo momento non possiamo più pensare ad un piano di ripartenza che ipotizzi un superamento dell’emergenza sanitaria – conclude – ho fatto presente a sindacati e associazioni di categoria che dobbiamo disegnare un nuovo modello industriale e produttivo che preveda la convivenza con il Coronavirus. Solo considerando questi aspetti possiamo pensare di avviare gradualmente e rilanciare tutti i settori dell’economia in Veneto come nel resto d’Italia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento