Coronavirus, le disposizioni per bar e ristoranti obbligatorie fino al 3 aprile

Viene confermata la possibilità di servire i clienti (che devono rispettare la distanza tra di loro di almeno un metro) solo se seduti al tavolo

«Continua senza sosta l’opera di informazione nei confronti dei titolari di bar, ristoranti, trattorie e pizzerie della provincia di Padova che, sistematicamente, prendono d’assalto i centralini dell’Appe alla ricerca di chiarimenti, suggerimenti e, a volte, smentite in ordine alle fake news che circolano in rete». Filippo Segato, segretario dell’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi di Padova, fa il punto su come vivono l'emergenza Coronavirus i locali pubblici.

Le disposizioni

Spiega Segato: «Uno dei problemi che ci troviamo ad affrontare come associazione è quello che non facciamo a tempo a studiare un Decreto del Premier, e a divulgarlo agli operatori, che siamo “travolti” da un altro provvedimento che ne integra o sostituisce alcuni contenuti, ingenerando ovviamente un po’ di confusione negli imprenditori che sono chiamati a rispettarli». Alcune disposizioni contenute nell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, quello del 4 marzo 2020, sono da considerarsi applicabili e obbligatorie (salvo la chiusura delle scuole fino al 15 marzo) fino a venerdì 3 aprile:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Viene confermata la possibilità di servire i clienti solo se seduti al tavolo;
  • I clienti devono rispettare la distanza tra di loro di almeno un metro;
  • È obbligatorio esporre un cartello (scaricabile dal sito www.appe.pd.it) che riepiloga le 11 misure igienico-sanitarie utili a evitare la propagazione del contagio. L’APPE ha anche predisposto un secondo cartello (la cui esposizione è facoltativa) per sensibilizzare i clienti sul rispetto della distanza minima;
  • È obbligatorio mettere a disposizione di addetti, utenti e “visitatori” (leggasi: clienti) soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani (anche se di difficile reperibilità in questo periodo).
  • Sono sospesi tutti gli eventi, manifestazioni, concerti, ecc. di carattere non ordinario, quali, a titolo d’esempio: serate musicali (anche senza ballo), karaoke, tutti quegli eventi che non consentano di mantenere la distanza minima di un metro tra i clienti.

Una disposizione specifica riguarda le “persone anziane”, per le quali è fatta una puntuale “raccomandazione” di evitare di uscire dalla propria abitazione: il Decreto non prevede, dunque, alcun divieto di poter proseguire la propria attività nel pubblico esercizio. È giunta notizia che sono in corso i controlli sul rispetto delle disposizioni dei vari Decreti, e sembra che in qualche caso siano anche state elevate sanzioni (si ricorda che le violazioni sono punite ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

  • Crisanti lascia Padova e va allo Spallanzani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento