Fase 2, Confartigianato Padova: «Tornano operative quasi 12mila imprese e oltre 30mila addetti»

Numeri a dir poco importanti nel Padovano. Boschetto: «Dobbiamo disegnare progetti che riconnettano quello che dobbiamo fare oggi sul piano sanitario con quello che possiamo fare per costruire una nuova fase di crescita e benessere per la nostra provincia, per il Veneto e per il nostro Paese»

Rooberto Boschetto, presidente di Confartigianato Imprese Padova

Un raddoppio consistente: con l'avvio della "Fase 2", in programma lunedì 4 maggio, le imprese artigiane padovane che potranno riaprire saranno 11.823, portando così il totale di quelle aperte a 22.647, vale a dire il 90% del totale. Un dato che aumenta ulteriormente quando si parla di addetti che torneranno al lavoro: passeranno infatti da 29.182 a 59.822, pari al 92,1% del totale dell’artigianato padovano.

«Restano molte ferite aperte»

Nonostante ciò Roberto Boschetto, presidente di Confartigianato Imprese Padova, sottolinea: «Restano molte ferite aperte, a partire dalle nostre 2.528 aziende artigiane padovane e i loro 5.133 addetti (quelli del benessere, del restauro ed i nostri ristoratori) ancora ingiustificatamente al palo. Ma anche quella relativa all’incertezza su lavoro e mercati: è chiaro che l’emergenza va affrontata con la tempestività e l’intensità appropriate, ma questo non ci esime dall’avere uno sguardo lungo, decidendo azioni e disegnando progetti che riconnettano quello che dobbiamo fare oggi sul piano sanitario con quello che possiamo fare per costruire una nuova fase di crescita e benessere per la nostra provincia, per il Veneto e per il nostro Paese. Nella situazione attuale è assolutamente dannoso giocare a chi grida più forte per rivendicare diritti particolari. È un dovere categorico mettere a fattore comune - e noi vogliamo farlo per primi - tutti gli interessi legittimi, trasparenti e soprattutto composti in una visione strategica a vantaggio del Paese, tutto ciò fermo restando il principio che chi è vittima dei danni maggiori (in ragione dell’interesse superiore della salute pubblica) dovrà avere i risarcimenti maggiori, in una logica di solidarietà nazionale». Aggiunge quindi Boschetto: «Per questo, vogliamo fare il punto su alcuni temi prioritari che sono nell’agenda delle istituzioni e delle associazioni. Dobbiamo accelerare per una fase 2 intelligente che non riduca di un millimetro l’attenzione prioritaria sulla protezione della salute, ma che inauguri nuove logiche di gestione del rischio. È ormai evidente a tutti che il pericolo del virus non cesserà in un giorno, neppure in una settimana e nello scenario migliore ci vorranno mesi che lasceranno un segno permanente nel nostro modo di vivere».

Temi prioritari

Ecco i tre temi prioritari individuati da Confartigianato Imprese Padova: «Primo: il divieto per tutti di produrre, salvo le filiere essenziali (i famosi codici Ateco), deve cedere il passo alla possibilità di riprendere a lavorare per tutti quelli pronti a farlo in sicurezza, rispettando il protocollo del 24 aprile, i suoi aggiornamenti e i suoi approfondimenti per le diverse categorie. Secondo: ci rendiamo conto, che far ripartire 11.800 artigiani e oltre 30mila addetti oggi fermi (circa la metà del totale) significa autorizzare anche i loro clienti a muoversi ed avere relazioni. Anche per quanto riguarda i cittadini dobbiamo passare dalla logica del “io sto a casa” a quella dell'uscire con le mascherine, rispettando le distanze, prendendo appuntamento, limitando l’uso dei mezzi pubblici ed usando tutte le precauzioni che ormai conosciamo. Terzo: qualsiasi forma tecnica venga adottata dovremo ricorrere al debito per aiutare gli italiani che hanno avuto un danno economico (in aggiunta al dramma dei decessi) senza precedenti. Questo debito, verso chiunque venga contratto, fosse anche nel lungo termine, dovrà essere restituito. E questo rende indispensabile progettare una nuova fase espansiva che ricrei la ricchezza che questa crisi ha distrutto e distruggerà nei prossimi mesi per molti comparti. Nel prossimo decennio, la crescita dei Paesi emergenti produrrà circa un miliardo di nuovi consumatori con diverse, ma rilevanti, capacità di spesa. Dobbiamo e possiamo conquistare la nostra quota di questo nuovo mercato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riflessione

Questa la riflessione finale di Roberto Boschetto: «Siamo consapevoli che artigiani e Pmi -dichiara Boschetto-, come molte altre categorie, vivono un presente drammatico e hanno bisogno di soluzioni immediate e concrete. Ma sarebbe irresponsabile, illusorio e demagogico alimentare la speranza che i tutti consumi riprendano a crescere solo per la scadenza del 4 maggio. Senza rinunciare ad accelerare la ripresa, dobbiamo piuttosto assicurare a chi lavora il massimo sostegno finanziario, fiscale, creditizio, formativo, di servizio, per affrontare il tempo che sarà necessario - il più breve possibile – per ripristinare condizioni di normalità. Il Made in Italy prodotto in Veneto -conclude- ha le carte in regola per affrontare questa sfida: eccellenza, competenze distintive, valore di brand, capacità di innovazione, sono i pilastri solidi che dobbiamo valorizzare. Fare sistema, aumentare la promozione, aprire nuovi canali e mercati, digitalizzazione, sburocratizzazione, infrastrutture sono solo alcuni dei temi sui quali dobbiamo lavorare insieme come Provincia, come Regione e come Paese. Dobbiamo rispondere a questa crisi sanitaria facendo quello che avremmo dovuto fare comunque per riprendere a crescere, ma con più determinazione, maggiore unità d’intenti, con l’entusiasmo e la creatività che sappiamo mettere in campo. L’obiettivo che ci diamo è costruire un piano biennale perché il 2022 sia meglio di quello che sarebbe stato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento