Coronavirus e lavoro: posti a rischio per mense e precari. Saltano le assemblee sindacali

Il Partito comunista a sostegno delle sigle sindacali, ma anche Angem e Legacoop segnalano le stesse criticità e invocano interventi del Governo più incisivi e rispettosi

(foto: archivio)

Che l'allerta Coronavirus rischi di avere un effetto pesantissimo sull'economia veneta e non solo, è un timore ormai radicato. Il Governo ha già varato una serie di manovre e stanziato fondi per andare in aiuto delle imprese in difficoltà, ma per qualcuno non basta. Troppe sarebbero infatti le categorie di lavoratori che rimangono a rischio e a sostenerlo sono tanto i sindacati appoggiati dal Prc, quanto le associazioni Angem e Legacoop.

Migliaia di lavoratori non tutelati

«Ben vengano i milioni a favore delle imprese - esordiscono il segretario nazionale e il responsabile lavoro del Partito comunista, Maurizio Acerbo e Antonello Patta - Ma il Governo non ha tenuto conto per centinaia di migliaia di lavoratori che si trovano privati di un reddito già misero o continuano a lavorare in condizioni che li espongono a rischi per la salute. Sono i lavoratori della gig economy (l'economia "dei lavoretti") in cui regnano precarietà, bassi salari, sfruttamento e mancanza dei diritti minimi. Lavoratori intermittenti o a chiamata del mondo dei servizi alla persona, delle imprese di pulizia, del turismo, delle finte cooperative, il lavoro autonomo a basso reddito. E poi i lavoratori dei servizi, delle amministrazioni pubbliche, del commercio, della sanità che operano a contatto col pubblico senza che gli siano garantiti dispositivi di protezione. E ancora il personale della sanità pubblica costretto a orari e turni massacranti».

Richieste al Governo

Il Prc sostiene le proteste sindacali che chiedono provvedimenti urgenti a tutela dei redditi, delle condizioni di salute e di lavoro. Quattro le richieste specifiche, a partire dalla creazione di un fondo di sostegno al reddito per le categorie prive di tutele normative e contrattuali. E ancora un sistema di ammortizzatori sociali per garantire il salario dei lavoratori subordinati costretti a riduzioni dell'orario di lavoro; più controlli sull'attuazione delle misure di prevenzione dei rischi per la salute; un piano straordinario di assunzioni di medici e infermieri per far fronte all'emergenza salvaguardando i diritti del personale e la qualità del servizio.

Mense scolastiche e universitarie

A prendere le difese dei lavoratori del settore della ristorazione collettiva che vede a rischio oltre 20mila posti di lavoro in tutta Italia sono il presidente Angem (Associazione nazionale delle aziende della ristorazione collettiva) Carlo Scarsciotti e il responsabile del settore ristorazione di Legacoop Andrea Laguardia. «Oltre 20mila operatori delle mense scolastiche e universitarie rischiano di perdere il posto se il Governo non approverà misure economiche urgenti che interessino anche il settore della ristorazione collettiva organizzata - spiegano - La chiusura delle università tra cui quella di Padova porta alla sospensione dei servizi e i relativi costi da sostenere per il personale, con perdita di fatturato e delle materie prime e con l’anomalo incremento dei costi di dispositivi di protezione che mettono a serio rischio finanziario l’intero settore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assemblee sindacali

Due erano le assemblee organizzate da Fnp Cisl di Padova e Rovigo nella provincia euganea per questa settimana, ma entrambe sono state sospese. Quella di mercoledì 4 marzo al centro civico Presca di Selvazzano Dentro e quella di giovedì 5 marzo in sala Nassirya a Este saranno convocate in data da destinarsi. I due appuntamenti sono assemblee precongressuali delle Rls (Rappresentanza locale sindacale) della Federazione Nazionale Pensionati in vista del congresso straordinario territoriale del 25 e 26 marzo. «Chiediamo a tutti gli iscritti di tenersi in contatto con i responsabili della Rls di Padova per la riconvocazione dell’assemblea, che avverrà una volta terminata a restrizione sanitaria in atto» fa sapere il dirigente Giulio Fortuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento