Coronavirus, impennata di richieste a patronati e Caf

Nei primi nove mesi e mezzo dell’anno quelli di Cia hanno già evaso 78.875 richieste (circa 250 al giorno), quando in tutto il 2019 erano state 79.000

Con gran parte degli uffici chiusi in modalità in presenza, patronati e Caf vengono sempre più presi d’assalto dai cittadini: nei primi nove mesi e mezzo dell’anno quelli di Cia Padova hanno già evaso 78.875 richieste (circa 250 al giorno), quando in tutto il 2019 erano state 79.000 (215 al giorno).

Cia Padova

«E il trend - sottolinea Massimo Lazzarin, direttore del patronato Inac nonché responsabile provinciale Cia servizi alla persona - è in continua crescita, soprattutto nelle ultime settimane. I nostri uffici sono letteralmente subissati di telefonate e mail. La maggiore criticità è rappresentata dal fatto che gli sportelli Inps non ricevono in presenza». Gli interessati, di conseguenza, si rivolgono proprio ai Patronati e ai Caf, che peraltro offrono un servizio completamente gratuito, al fine di ottenere informazioni di tipo fiscale. Aggiunge Lazzarin: «Siamo diventati come un pronto soccorso, qui si rivolgono tutti gli utenti che necessitano di risposte precise e puntuali. Il nostro compito, alla stregua del triage, è distinguere fra le pratiche urgenti e quelle che invece possono aspettare. Fra le istanze ricorrenti, ci viene chiesta la redazione dell’Isee, Indicatore della situazione economica equivalente, ovvero lo strumento che misura la capacità reddituale delle famiglie. Questo è propedeutico al riconoscimento di tutti i vari bonus messi in campo dal Governo centrale o per aiutare economicamente chi ha subito delle perdite a motivo del Covid». A detta di Lazzarin, inoltre, «stiamo attraversando un periodo di vera e propria emergenza, parallelamente alla seconda ondata del coronavirus. A tal proposito svolgiamo pure un’importantissima funzione sociale: in questo contesto di crisi siamo diventati un punto di riferimento per l’intera collettività».

Numeri utili

Per venire incontro alle aumentate richieste, il Patronato Inac e i Caf Cia hanno ampliato la loro disponibilità: attivato un nuovo numero unico di prenotazione, 049.0990777, operativo h24 – sette giorni su sette, per fissare un appuntamento in presenza, nel pieno rispetto delle normative anti-covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento