Regione Veneto, stanziati 10 milioni di euro per potenziare la rete dei servizi sociali

L’obiettivo è intercettare e sostenere le nuove categorie di persone fragili e vulnerabili create dall’emergenza sanitaria, sociale ed economica Covid-19, allargando le maglie e gli interventi di servizi, sportelli e progetti già esistenti

La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla sanità e al sociale Manuela Lanzarin, ha stanziato quasi 10 milioni di euro per rafforzare i "punti di forza" della rete dei servizi sociali e degli interventi di contrasto alle povertà nei prossimi mesi. L’obiettivo è intercettare e sostenere le nuove categorie di persone fragili e vulnerabili create dall’emergenza sanitaria, sociale ed economica Covid-19, allargando le maglie e gli interventi di servizi, sportelli e progetti già esistenti.

Rafforzamento

In particolare, la Regione Veneto ha portato da 6 a 8,2 milioni di euro il "portafoglio" annuale del Ria, il reddito di inclusione attiva gestito dalla rete dei servizi dei 21 ambiti territoriali (corrispondenti alle ex Ulss): le risorse aggiuntive vanno a costituire un fondo di emergenza per le persone e le famiglie, sinora sconosciute ai servizi sociali, che sono o che potranno essere colpite dalle conseguenze della crisi. Inoltre gli interventi di sostegno economico per l’abitare (Soa), misura che sinora ha consentito di contribuire alle spese di locazione per i più indigenti, potranno essere utilizzati anche per le famiglie oggi in difficoltà a causa della perdita o della sospensione del lavoro. Anche il fondo di contrasto alla povertà educativa, previsto nel piano regionale anti-povertà, viene rifinanziato con 700 mila euro e potrà essere impiegato per iniziative di supporto rivolte non solo ai bambini del ciclo della scuola primaria, ma anche agli adolescenti fino ai 17 anni di età. Risorse in più in arrivo anche per gli empori della solidarietà, i 24 centri di raccolta e distribuzione eccedenze alimentari, riciclo e animazione territoriale e di servizi alle famiglie e alle persone più povere, attivi in Veneto grazie alla collaborazione tra enti del terzo settore, Comuni e Regione. La Giunta regionale ha stanziato ulteriori 1.180 mila euro per aiutare gli empori (e la rete di volontari che li supporta) a rimanere sempre aperti e a potenziare i propri servizi: dalla sanificazione dei locali e adozione di mascherine, gel e guanti per i volontari, alla consegna della spesa solidale a domicilio a nuclei e persone in difficoltà, all’estensione dei servizi di ascolto e supporto psicologico, alla promozione di reti di aiuto e sostegno solidale, all’offerta di occupazioni di pubblica utilità per integrare il reddito familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento

Siega l'assessore Lanzarin: «A fianco dell’emergenza sanitaria di queste settimane stanno emergendo bisogni nuovi, come il numero crescente di persone confinate a casa perché positive al virus e che necessitano di assistenza, o persone già dimesse che a loro volta devono accudire un congiunto non autosufficiente, così come anche i casi di minorenni o maggiorenni incapaci di provvedere a loro stessi, o i casi più in generale di persone disabili, che si trovano ad essere assistite da parenti, per malattia o decesso dei genitori. Si sta prospettando – prosegue l’assessore - una crisi economica e sociale senza precedenti, che allargherà le fasce di povertà: il pensiero corre ai lavoratori che si sono visti bloccare i contratti di assunzione, agli stagionali del turismo e della ristorazione, ai lavoratori degli spettacoli e delle fiere, alle badanti, alle piccole partite Iva. Tutte persone che i servizi comunali e sociali non conoscono e non hanno mai preso in carico, perché abituate a far fronte alle situazioni difficili con propri sacrifici e mezzi. In Veneto, in questi anni, abbiamo creato in collaborazione con i comuni, l’associazionismo del terzo settore e il volontariato, una rete capillare di prevenzione e contrasto alla povertà – conclude l’assessore – Lo scorso anno gli empori della solidarietà hanno garantito la spesa e assistenza a circa 32 mila famiglie, il reddito di inclusione attiva ha coinvolto oltre 300 comuni e 550 associazioni nel sostegno economico e sociale a quasi 2 mila persone in condizioni di povertà. Con questi nuovi provvedimenti, la Regione investe sui ‘punti di forza’ di questa rete, invitando e aiutando empori, comuni e associazioni ad allargare il raggio dei destinatari delle loro iniziative solidali e ad intercettare le situazioni di nuova marginalità e isolamento che si stanno creando. Vogliamo mettere più ‘benzina’ nel grande motore della solidarietà sociale della società veneta, convinti che anche questa nuova e improvvisa crisi non ci troverà impreparati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «Entro lunedì una nuova ordinanza con restrizioni leggere anti-assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento