rotate-mobile
Economia

In città e provincia 3 crimini al giorno contro le attività commerciali

Il bilancio dei primi 6 mesi dell'anno elaborato dall'Osservatorio economico della Confesercenti ha censito 401 azioni criminali contro le attività economiche. I bar i più colpiti, seguono supermercati, banche e abbigliamento. Alta padovana più tartassata dopo Padova e cintura

Nei primi 180 giorni del 2011 si sono registrati, ai danni delle attività commerciali di Padova e provincia, una media di tre reati al giorno. Un dato in calo rispetto al trend negativo inaugurato dal 2008 (furono 512 nel 2007, 387 nel 2008, 466 nel 2009 e 518 nel 2010), ma comunque una frequenza ancora elevata e preoccupante

Sono i dati rilevati dall'Osservatorio economico della Confesercenti provinciale nel periodo che va tra gennaio e giugno di quest'anno. 401 le azioni criminali registrate nel complesso contro le attività economiche. I bar le attività che subiscono il maggio numero di reati. A seguire i supermercati, le banche e l’abbigliamento. La zona maggiormente colpita, esclusa Padova e la cinta urbana, è l’Alta padovana

“Dobbiamo rilevare come sia sempre il commercio il settore più esposto con il 39% degli atti criminosi - dichiara il presidente di Confesercenti, Nicola Rossi - seguito immediatamente dai pubblici esercizi con il 21%. In questi ultimi anni è aumentata l’azione delle forze dell’ordine con centinaia di arresti, di denunce e di fogli di via, e di questi risultati va pieno merito alle forze dell’ordine, ai loro responsabili ed al loro crescente impegno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In città e provincia 3 crimini al giorno contro le attività commerciali

PadovaOggi è in caricamento