Economia

Edilizia, a Padova e provincia settore in salute nonostante la crisi

Il presidente di Ance Padova, Alessandro Gerotto: «Nel 2020 forte flessione ma i dati di Cassa Edile confermano una risalita a livello di ore lavorate nella prima parte del 2021. Ora serve dare continuità, snellire la burocrazia e creare sinergie forti fra imprese, privati, stazioni appaltanti e istituzioni»

I dati diffusi da Ance Veneto sullo stato di salute del settore edile in Regione stima nel 2020 un calo degli investimenti in costruzioni del 10,5%. Anche la Provincia di Padova risente dell’andamento generale regionale mantenendo comunque un primato in Regione per i numeri che il settore esprime in termini di imprese attive.

Dati

A confermarlo i numeri della Cassa Edile, che raccoglie i contributi denunciati dalle imprese di Padova e di Treviso: da ottobre 2020 a maggio 2021 sono state denunciati contributi per 87.527.846 con un aumento del 20,56% in più rispetto allo stesso periodo 2019-2020 e in crescita dell’8% rispetto a due anni prima. Sempre nelle provincie di Padova e Treviso si contano, secondi i dati più recenti della Cassa Edili, 1.492 imprese per un totale di 10.081 lavoratori, di cui 4.503 stranieri. Si tratta di dati in crescita rispetto al 2018 e 2019 sia in termini di aziende che di occupati sia italiani che stranieri. In un contesto generale che vede in Regione una diminuzione del numero della imprese attive nel settore di -15.000 imprese in 10 anni dal 2008, Padova resta la provincia con più imprese di costruzioni attive in Veneto, nel 2018 erano 9505, rappresentando il 20% del dato complessivo regionale (dati Ance Veneto su rielaborazione Istat). I permessi Scia e Dia ritirati per la costruzione di nuove abitazioni e ampliamenti confermano le dinamiche positive del mercato immobiliare delle nuove abitazioni in Veneto e, in particolare nella provincia di Padova aumentano nel 2019 del 26,7%. Il flusso di nuovi mutui per l’acquisto di abitazioni da parte delle famiglie in provincia aumenta dell’11,9% (mentre la media regionale si attesta al +6,4). Il mercato immobiliare, ovvero la compravendita di unità immobiliari nel 2020 ha registrato una flessione del 9,2%. I nuovi finanziamenti alle imprese edili per gli investimenti non residenziali, ovvero industriali, commerciali e direzionali, nel 2020 crescono a Padova e provincia del 14,6%. I finanziamenti per gli investimenti alle imprese per investimenti di edilizia residenziale nello stesso anno invece sono in flessione del 10,6% rispetto all’anno precedente.

Ance Padova

Dichiara il presidente di Ance Padova, Alessandro Gerotto: «I dati della Cassa Edile confermano nel primo semestre 2021 una inversione di tendenza. I grandi progetti pubblici che vedono Padova al centro di un nuovo sviluppo e il volano creato dal 110% sono un’opportunità per tutto il settore edile e l’indotto. Dopo i rallentamenti causati dal Covid, il settore ha davanti ottime prospettive di crescita, anche a livello occupazionale. In questo contesto, la Scuola Edile di Padova è un’eccellenza che fornisce competenze e prospettive a ragazzi giovani, ma anche a disoccupati, che cercano un lavoro dignitoso e sicuro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia, a Padova e provincia settore in salute nonostante la crisi

PadovaOggi è in caricamento