rotate-mobile
Economia

Elezioni appe, Erminio Alajmo presidente al suo 4° mandato triennale

Le votazioni del 27 novembre hanno riconfermato alla guida dell’Associazione l’esponente che la presiede già da 9 anni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Erminio Alajmo succede a sé stesso e resta dunque per altri 3 anni saldamente al comando dell’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi (APPE) da lui guidata nei precedenti 9 anni. Le operazioni di voto di martedì 27 novembre da parte del nuovo “Parlamentino” - espressione della volontà dell’assemblea generale  del 15 novembre  che ha rinnovato le cariche sociali - sono state poco più che una formalità, data anche l’assenza di altri candidati alla carica di Presidente.

Alajmo - che è titolare del ristorante “La Montecchia” a Selvazzano Dentro, del pluricelebrato ristorante “Le Calandre”, del collegato wine bar “Il Calandrino”, dell’hotel “Maccaroni” e del negozio di alimentari “In.gredienti” tutti a  Rubano, nonché del “Gran Caffè Quadri” di piazza San Marco  a Venezia - ha espresso viva soddisfazione per la riconferma, conscio però del gravoso lavoro che lo aspetta legato alla grande vivacità e dinamicità del comparto rappresentato.

< – ha esordito Alajmo – sono molto contento della mia nuova “squadra” di 15 componenti, pronta ad affrontare le sfide che il mercato e la crisi ci porranno innanzi nel prossimo mandato triennale, che per me sarà anche l’ultimo nonostante lo Statuto non ponga limiti temporali>>. <>.

Il Presidente Alajmo ha poi tracciato alcune linee programmatiche che intende seguire, preannunciando un’ulteriore accelerazione sull’attività sindacale,  dalla delicata regolamentazione del settore in seguito alle “liberalizzazioni”, alla serrata lotta all’abusivismo nei confronti degli esercizi agrituristici camuffati, delle sagre e feste paesane e dei circoli privati fasulli, dalla formazione continua e l’innovazione, alla promozione della categoria per una sua migliore immagine.

Alajmo ha voluto al suo fianco, in qualità di vicepresidenti, Fabrizio Graziati, titolare  dell’omonimo bar pasticceria di piazza della Frutta a Padova e Giuliano Lionello, chef-patron della trattoria “Al Pirio” di Torreglia. A completare il quadro del Consiglio di Presidenza sono stati eletti il giovane Matteo Toniolo del ristorante self-service “Le Midì” di Vigonza (e del ristorante “Bastioni del Moro” di Padova, guidato in tandem con il papà Giancarlo e la sorella Alessia) ed Eugenia Rubin del ristocaffè “Nerodiseppia” in via San Francesco a Padova.

Alla guida del Collegio dei Revisori dei Conti è stata eletta  Lazzarina Bonello  (ristorante Val Pomaro di Arquà Petrarca), che verrà affiancata dai sindaci effettivi Mario Mescolin  (ristorante Alle Logge di Piazzola Sul Brenta) e Cristiano Agostini (trattoria La Famiglia di Correzzola), nonché dai membri supplenti Vincenzo Allegra (ristorante “Il Console” di Saccolongo) e Pierluigi Mazzucato (albergo “Maritan”  di Padova).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni appe, Erminio Alajmo presidente al suo 4° mandato triennale

PadovaOggi è in caricamento