Etra e il lokdown: bassi indici di rischio, alta solidità patrimoniale e utili a 4,5 milioni

Etra si presenta all’assemblea dei soci che dovrà stabilire la destinazione degli utili, in programma lunedì 13 luglio, con numeri importanti che la confermano tra le multiutility più solide a nordest

La multiutility si presenta all’assemblea dei soci con valori eccellenti anche sul piano delle prestazioni. Levorato: «I dati confermano la solidità di Etra, che è diventata un punto di riferimento importante per i territori serviti. Etra si presenta all’assemblea dei soci che dovrà stabilire la destinazione degli utili, in programma lunedì 13 luglio, con numeri importanti che la confermano tra le multiutility più solide a nordest. Il 2019 è stato un anno particolarmente positivo con gli utili che ammontano a 4,5 milioni di euro. Saranno i sindaci  a decidere se investirli in infrastrutture sul territorio, core business della società, o redistribuirli tra i soci. Nell’ultimo anno di esercizio Etra ha migliorato gli indici di indebitamento, solidità patrimoniale e finanziaria».

Etra

L’indice di solidità finanziaria si è attestato a 1.67 con covenant (indice di rischio che tutela i finanziatori, in questo caso i comuni soci) di riferimento 4.0 mentre l’indicatore di  solidità patrimoniale è stato di 0.25 con indice di equilibrio di riferimento  a 1.0 (chi sta sotto i parametri prefissati ha indici considerati positivi).

Prestazioni

Anche il dato sulle prestazioni fornite è stato eccellente con il 99%  delle stesse  eseguite entro gli standard indicati da Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente). Anche la prima parte del  2020, nonostante l’emergenza Covid, è stato positivo. All’inizio del lockdown Etra  ha attivato una piattaforma di “lavoro agile” per 400 dei 900 dipendenti (metà dei lavoratori si occupa materialmente dei servizi di smaltimento rifiuti e per loro non è possibile adottare questa soluzione). I 400 dipendenti sono stati messi in lavoro agile in dieci giorni e dotati di notebook, smartphone e linea web, questo ha permesso alla società di  non fare ricorso  alla cassa integrazione.

Smart Working

A distanza di due mesi circa dall’avvio dello smart working, Etra ha misurato e verificato un aumento del livello di produttività. Il parametro con cui questa viene misurata ha visto, per i comparti in smart working, superare il 95% nel primo quadrimestre 2020, mentre la media della produttività annuale nel 2019 era stata del 93,6%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Coronavirus, Zaia: «Scommettiamo che prima di aprile il virus non se ne andrà?»

  • Malore improvviso: è mancato nella notte il Primo Dirigente Medico della Polizia di Stato, Massimo Puglisi

  • Si schianta con un ultraleggero nella Bassa: morto il pilota 52enne

  • Statale 47 paralizzata da un incidente: coinvolti tre camion e un'auto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento