menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Export: termomeccanica a Padova +56 milioni di euro, prodotti in vetro +12 milioni

Sono i dati delle esportazioni dei distretti industriali del Triveneto per i primi 9 mesi del 2016

È stato pubblicato il "Monitor dei distretti industriali del Triveneto", a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, aggiornato al terzo trimestre 2016. Nei primi 9 mesi dell'anno scorso, i distretti industriali del Triveneto, con 20,3 miliardi di euro di esportazioni, hanno ulteriormente migliorato i risultati del 2015, mettendo a segno un aumento pari a 179 milioni di euro. Non accenna quindi ad arrestarsi il lungo ciclo di crescita dell’export distrettuale ripartito dopo la crisi 2009, che in 26 trimestri consecutivi di crescita ha portato a un incremento cumulato del 55,4%, pari a +8,7 miliardi di euro.

IMPRESE VENETE TRAINANTI. In termini percentuali, l’export distrettuale, pur mostrando segnali di rallentamento nel corso del 2016, ha registrato una crescita tendenziale del +0,9% nel periodo gennaio-settembre, facendo meglio della media nazionale che ha subito un leggero calo (-0,7%). Sono state trainanti le imprese venete, che hanno fatto registrare una crescita dell’1%, seguite da quelle friulane con +0,5%. Per le aree distrettuali del Trentino-Alto Adige, dopo il balzo a due cifre del 2015, le esportazioni sono entrate in una fase di assestamento registrando un calo di 0,7%.

TERMOMECCANICA PADOVANA AL TOP. Nella classifica dei primi 20 distretti italiani per volumi di crescita dell’export, si sono posizionati 7 distretti veneti, confermando la competitività internazionale delle loro imprese. Nei primi 9 mesi del 2016 i distretti veneti hanno realizzato 17,8 miliardi di euro di esportazioni, con una crescita di 180,4 milioni rispetto l’anno precedente. Nella graduatoria regionale, i distretti dell’agroalimentare hanno ceduto il primo posto a un distretto della meccanica, la Termomeccanica di Padova, che ha messo a segno importanti risultati nei mercati maturi, primo fra tutti gli Stati Uniti. Segue il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, il più brillante tra i distretti vitivinicoli italiani, con un aumento di 56 milioni di euro, confermandosi sempre più come bollicina preferita dai consumatori europei e statunitensi. Bene anche le Carni di Verona, il Mobile di Treviso, la Calzatura sportiva di Montebelluna e le Materie Plastiche di Treviso, Padova e Vicenza. Il Grafico Veronese +23 milioni, i Vini del Veronese +22,2, le Calzature del Brenta +20,3 milioni, la Termomeccanica Scaligera +19 milioni, Prodotti in vetro di Venezia e Padova +12 milioni. Male Oreficeria di Vicenza (-108 milioni), Calzatura veronese (-33 milioni), Tessile e abbigliamento di Treviso (-20 milioni), Meccanica strumentale di Vicenza, Tessile/abbigliamento di Schio-Thiene-Valdagno e Concia di Arzignano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento