Sanità privata, firmato il rinnovo del contratto nazionale: nel Padovano esultano 2.000 lavoratori

Incremento medio mensile pari a 154 euro: «Siamo molto soddisfatti per la conclusione di una vicenda che si trascinava da troppo tempo»

In settimana, presso la sede del Ministero della Salute, è stato firmato definitivamente il rinnovo del contratto della Sanità Privata. 

Rinnovo

Alla presenza del ministro Roberto Speranza, i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl e i vertici di Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari) hanno sottoscritto, in via definitiva, il rinnovo di un contratto, quello della Sanità Privata, atteso da 14 anni e che interessa, sul territorio nazionale, circa 100mila lavoratrici e lavoratori, per un incremento medio mensile pari a 154 euro. Una firma che ha notevoli conseguenze anche nel territorio padovano. Affermano in una nota Enrico Ciligot Magagnin, Alessandra Stivali e Raffaela Megna della Fp Cgil di Padova: «Siamo molto soddisfatti per la conclusione di una vicenda che si trascinava da troppo tempo. Ringraziamo soprattutto le lavoratrici e i lavoratori che, presidio dopo presidio, hanno tenuto il punto e non hanno mai ceduto. Crediamo che la loro determinazione sia stata la chiave di volta che ha permesso il raggiungimento di questo risultato. Adesso speriamo che non tocchi aspettare e lottare altri 14 anni per il prossimo rinnovo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questioni aperte

«Ricordiamo - aggiungono i tre sindacalisti della Cgil - che questo rinnovo coinvolge, solo nella provincia di Padova, circa 2000 lavoratrici/ori. Restano, però, sul tavolo delle questioni ancora aperte. La prima, riguarda i 47 lavoratori della provincia di Padova che operano presso "La nostra famiglia", Associazione con cui, da almeno un anno, abbiamo in piedi un difficile tentativo di conciliazione a livello nazionale (La Nostra Famiglia è presente in 6 regioni) dopo il suo annuncio di voler cambiare il Contratto ai propri dipendenti passando al Contratto RSA che prevede più ore di lavoro a parità di salario. Una cosa inaccettabile. La seconda questione riguarda il rinnovo del Contratto RSA - Sanità privata, quello da cui sono regolati i circa 500 lavoratori dell'OPSA di Padova (Opera della Provvidenza Sant'Antonio). Anche per loro è necessario raggiungere un accordo che preveda, oltre agli adeguamenti economici, il rispetto di un principio a cui non siamo disposti a rinunciare, ossia: stesso lavoro, stesso salario, stessi diritti. E se ci sarà da lottare per affermarlo, vuol dire che lotteremo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento