Fondi dell’Unione Europea, nuovo portale web del Veneto

Il sito permette di essere aggiornati sulle attività del Tavolo di Partenariato, di conoscere i componenti, di avere informazioni sugli incontri svolti, di accedere ai documenti ufficiali, di richiedere chiarimenti e informazioni, di consultare gli indirizzi, i riferimenti telefonici e i link utili

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Da oggi basta digitare https://partenariato.regione.veneto.it per saperne di più sui Fondi Strutturali dell’Unione europea e conoscere le attività legate alla programmazione comunitaria.

È l’assessore al bilancio e alla cooperazione, Roberto Ciambetti, a  presentare il nuovo portale web del Tavolo di partenariato del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) della Regione del Veneto: “Si tratta uno strumento di grande utilità per tutte le amministrazioni e i soggetti interessati all’acquisizione di risorse ormai indispensabili per lo sviluppo del territorio – spiega l’assessore –, ma è anche un sito che rende più chiare e trasparenti le procedure e le finalità nell’utilizzo dei fondi”.

Il sito permette di essere aggiornati sulle attività del Tavolo di Partenariato, di conoscere i componenti, di avere informazioni sugli incontri svolti, di accedere ai documenti ufficiali, di richiedere chiarimenti e informazioni, di consultare gli indirizzi, i riferimenti telefonici e i link utili, di partecipare a sondaggi, consultazioni e forum on line. Inoltre, iscrivendosi alla newsletter, si potrà ricevere periodicamente un bollettino con novità e aggiornamenti che consentiranno di seguire costantemente l’evoluzione delle attività legate alla programmazione comunitaria.

“Da sempre il Veneto – conclude Ciambetti – è una delle Regioni che, non solo in ambito nazionale ma a livello europeo, pone maggior attenzione alle opportunità offerte dalla programmazione comunitaria e una delle più virtuose nell’utilizzo dei fondi messi a disposizione: questo portale ci aiuterà ad allargare la partecipazione e a migliorare ulteriormente il nostro lavoro”.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento