Fondo straordinario per l'assunzione di disoccupati padovani over 55

L'iniziativa, denominata "dote-lavoro", è promossa dalla Provincia di Padova. Dedicata a chi è senza lavoro e ammortizzatori sociali, mira ad incentivare le aziende ad assumere una delle fasce più penalizzate nella ricerca di nuova occupazione

Evitare i contributi a pioggia e puntare invece su politiche attive per il reinserimento lavorativo di persone disoccupate con maggiori difficoltà di ricollocamento come i lavoratori “over 55privi di ammortizzatori sociali che rappresentano una delle fasce ad alto rischio sociale e più penalizzate nella ricerca di nuova occupazione.

IL FONDO. Questo l'obiettivo del Fondo straordinario di solidarietà, ribattezzato anche "dote-lavoro", promosso dalla Provincia di Padova in collaborazione con la fondazione Cariparo, la Diocesi, la Camera di commercio e fondazione Antonveneta, tutti firmatari di un protocollo di intesa. 250mila euro i contributi messi sul piatto, di cui 185mila dal Fondo e 65mila direttamente dalla Provincia.

LA DOTE-LAVORO. I contributi sono indirizzati a lavoratori disoccupati, domiciliati nel territorio provinciale padovano, di età superiore ai 55 anni privi di ammortizzatori sociali e iscritti in uno dei nove Centri per l’Impiego (Cpi) con lo stato di disoccupazione. Queste persone dovranno presentare domanda entro le 12 dell’11 marzo a mano o per fax al proprio Cpi. Dopodiché sarà formulata una graduatoria che terrà conto della maggiore anzianità di disoccupazione, dell’età e, nel caso di parità, della situazione economica dimostrata tramite modello Isee. I potenziali 100 beneficiari in possesso dei requisiti avranno poi un mese di tempo dalla data di pubblicazione della graduatoria per trovare una ditta disposta ad assumerli, grazie all’incentivo - una specie di "dote" per l'appunto - che i lavoratori consentiranno al titolare di ottenere.

GLI INCENTIVI. Per un contratto a tempo determinato di almeno 3 mesi da parte di aziende con sede nella provincia di Padova, il lavoratore porterà “in dote” 1.000 euro. Per assunzioni a tempo determinato di almeno 6 mesi o a tempo indeterminato, la “dote” sarà di 2.500 euro. Questi incentivi si sommano inoltre agli sgravi del 50% sulle contribuzioni previsti dalla riforma Fornero per chi ha compiuto i 50 anni. Quindi, grazie a quest’iniziativa, per chi assume “over 55” ci sarebbe una doppia facilitazione economica. L’azienda dovrà richiedere la “dote-lavoro” dimostrando di non superare il “de minimis”, ovvero la soglia di contributi di stato prevista dalla legge.

LA DOCUMENTAZIONE. I moduli per presentare domanda di partecipazione all'iniziativa sono disponibili nei Centri per l’Impiego della propria zona, oppure si possono scaricare dal sito www.provincialavoro.padova.it.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento