menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gelo e siccità, l'assessore veneto chiede l'intervento del ministero per lo stato di calamità

Giuseppe Pan conferma: "Al tavolo romano chiederò con forza un intervento ministeriale inteso a riconoscere lo stato di calamità e a rendere disponibili le necessarie risorse in deroga al piano assicurativo nazionale"

“E’ già da settimane che la Regione sta monitorando le aree interessate dei danni provocati dalle gelate. Abbiamo sollecitato Avepa, l'Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura, che si è prontamente attivata per fare un’attenta ricognizione sui campi, anche se è difficile fare una stima puntuale. Ad esempio i danni ai vigneti e alle future produzioni non si possono quantificare, in questo momento, in maniera precisa. Ricordo peraltro che in caso di delimitazione per i danni alle viti ora, si assisterà ad una corrispondente riduzione delle quantità rivendicabili a DO alla vendemmia per l’area interessata”. 

INTERVENTO MINISTERIALE. Questa la risposta all’appello di Confagricoltura da parte dell’assessore all’Agricoltura della Regione Veneto, Giuseppe Pan, sollecitato a chiedere lo stato di calamità a seguito della siccità e del gelo che hanno colpito le campagne venete in questi mesi. “Avepa sta già inviando al mio assessorato i primi dati raccolti – prosegue l’assessore -  Da parte mia e del mio assessorato c’è la massima attenzione rispetto a questa situazione, sulla quale ci siamo attivati con assoluta tempestività. Prova ne sia che l’argomento è già all’ordine del giorno della prossima seduta della Commissione politiche agricole a Roma, il 3 maggio. Al tavolo romano chiederò con forza un intervento ministeriale inteso a riconoscere lo stato di calamità e a rendere disponibili le necessarie risorse in deroga al piano assicurativo nazionale”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento