Economia

Quattro imprese della Metalmeccanica Artigiana all'edizione virtuale di Hannovermesse

Roberto Boschetto, Presidente di Confartigianato Imprese Padova: «Le fiere sono vitali. Preoccupa che gli intoppi della campagna vaccinale impediscano ogni programmazione»

Lunedì 12 aprile è stata una data importante per la metalmeccanica veneta. Nove imprese -cinque artigiane di Confartigianato e quattro industriali di Confindustria- hanno partecipato in modalità virtuale alla edizione 2021 di HannoverMesse: la più importante fiera del settore della meccanica e dell'innovazione del mondo che, quando si svolgeva in presenza, raccoglieva oltre 300mila visitatori. Delle cinque aziende artigiane che hanno preso parte all’iniziativa, quattro sono padovane e associate a Confartigianato Imprese Padova. Si tratta di AR.DE.MA.; Pirollo Danilo; Laserpoint; Micromax.

Forma virtuale

Quest'anno per la prima volta, la fiera, in programma dal 12 al 16 aprile, si svolge in forma totalmente virtuale, mentre nelle edizioni precedenti era ibrida e la piattaforma su cui si svolge quest’anno era a disposizione solo per i visitatori che non potevano spostarsi. «Siamo particolarmente soddisfatti -afferma Roberto Boschetto Presidente di Confartigianato Imprese Padova e Veneto- che malgrado questa situazione insolita e del tutto nuova soprattutto per le nostre piccole imprese, HannoverMesse ospiti per la prima volta una collettiva della Regione Veneto formata da 9 imprese di cui 5 aderenti a Confartigianato. Una testimonianza concreta e tangibile del desiderio degli  imprenditori di cercare, anche in questa situazione pandemica, nuove partnership commerciali. Grazie alla collaborazione tra le Associazioni (Confartigianato Imprese Veneto e Confindustria Venezia), VenicePromex ed al contributo di Regione Veneto e di Ebav -prosegue-, abbiamo accompagnato le aziende in un percorso di training fatto di: 10 incontri, la creazione di un video istituzionale sulla meccanica veneta ed uno dedicato ad ogni singola azienda partecipante. Il tutto finalizzato a sfruttare al meglio la piattaforma che la Fiera mette a disposizione. Inoltre, sarà presente anche “Smact”, il competence Center delle Università del triveneto, con un convegno visionabile all’interno dell’area virtuale di VenicePromex, dove affronterà i temi della digitalizzazione e dell’innovazione».

I fatturati

«I nostri fatturati dipendono in modo importante dalla possibilità di farci trovare alle fiere nazionali ed internazionali -afferma Federico Boin Presidente della Federazione Meccanica di Confartigianato Imprese Veneto-. Questa esperienza virtuale è un esperimento, ma i nostri imprenditori hanno più volte confermato che le fiere in presenza sono insostituibili. A tal proposito sono indicativi i risultati di un sondaggio realizzato da CFI che ha preso in esame 23 fiere tra cui MECSPE – organizzato da Senaf, che evidenziano la grande importanza data alla partecipazione a fiere per 8 imprese su 10. Sempre l’80% conferma l’interesse per il post pandemia. La voglia di partecipare è tanta. Sempre il sondaggio indica che 7 imprese su 10 intendono partecipare ad una manifestazione il prima possibile (entro settembre)».

Webinar

Martedì scorso ad un webinar organizzato dalla Confartigianato del Veneto per capire lo sviluppo che avrà Mecspe -la fiera italiana di riferimento per l'industria manifatturiera che si terrà dal 10 al 12 giugno nel polo fieristico di Bologna in presenza-, si sono iscritte oltre 40 aziende. Abbiamo presentato loro il nostro progetto per questa che è l’unica fiera business to business che coinvolge oltre 56.000 visitatori altamente profilati, con potere decisionale, provenienti dai principali settori dell’industria meccanica italiana ed europea. Anche in questa edizione organizzeremo una area specifica dedicata alla Confartigianato, dove hanno già aderito più di 20 aziende provenienti dalla nostra regione. «A questo impegno -conclude Boin- fa da contraltare l’azione del Governo. Le difficoltà che sta incontrando la campagna vaccinale non permette di prendere decisioni in merito alle prossime manifestazioni in presenza lasciando imprese ed operatori in balia dell’incertezza. Una incertezza che ci danneggia moltissimo. Ci stiamo attrezzando per raggiungere i clienti nelle nuove forme che il virtuale consente, ma gli incontri in presenza sono fondamentali per far apprezzare ai clienti la capacità tecnica e la flessibilità che le imprese artigiane offrono. Abbiamo bisogno informazioni e ne abbiamo bisogno ora. E’ impossibile organizzare una fiera in un mese».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro imprese della Metalmeccanica Artigiana all'edizione virtuale di Hannovermesse

PadovaOggi è in caricamento