rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Economia Due Carrare

Due Carrare, sindaci uniti per dire "no" al centro commerciale: danni all'economia

Il confronto si è svolto lunedì al Castello del Catajo. Il sindaco di Arquà, Callegaro: "Sfruttiamo la Riforma dei Parchi per imporre un vincolo paesaggistico"

Da giorni continua la polemica sulla creazione del maxi Centro Commerciale a Due Carrare. Un centro commerciale che diverrebbe il più grande del Veneto inserito in una zona ad alto valore paesaggistico ed agricolo e davanti a patrimoni storici quale il Castello del Catajo e Villa Dolfin dal Martello.

I PROBLEMI. Ciò rischia di causare ingenti danni al tessuto economico fatto di piccole imprese. Confesercenti, in collaborazione con Confcommercio, ha organizzato una conferenza stampa lunedì mattina, al Castello del Catajo con sindaci, associazioni economiche, enti locali, uniti per dire "no".

LA SOLUZIONE. Si è pronunciato il sindaco di Arquà Petrarca, Luca Callegaro: “Sono stato l’ultimo presidente del Parco Colli Euganei prima del commissariamento. Sono sempre stato convinto che il Parco possa essere elemento di valorizzazione e promozione del nostro territorio. E’ difficile fare un ricorso su una cosa per la quale il Consiglio di Stato si è già pronunciato, però abbiamo l’opportunità di sfruttare la Riforma dei parchi in atto. Questa potrebbe essere una buona occasione, Due Carrare potrebbe essere inserita come “zona parco” o “zona contigua” e da lì potrebbe scaturire un vincolo paesaggistico. La vedo una delle poche forme per bloccare questo mostro che non dà sviluppo ai territori”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due Carrare, sindaci uniti per dire "no" al centro commerciale: danni all'economia

PadovaOggi è in caricamento