menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Finco

Massimo Finco

L'industria padovana chiude l'anno in spinta, produzione in crescita del 2,6%: dati fine 2016

L'indagine congiunturale realizzata da Ufficio Studi di Confindustria Padova con Fondazione Nord Est su un campione di 314 aziende. I dati sono relativi al quarto trimestre del 2016

Il "calabrone" riprende quota sul finale del 2016 e prova a stare in volo, nonostante correnti contrarie. Nel quarto trimestre l’industria padovana accelera: la produzione aumenta su base annua del 2,6% (quinto segno più consecutivo), spinta dal balzo della domanda interna (+6,9%) e dalla sorprendente vitalità dell’export (+5,4%), sia in Ue che extra-Ue. Nella media del 2016 l’attività industriale cresce del 2,3%, il miglior risultato dal 2011. Segnali di stabilizzazione dall’occupazione. Migliorano la fiducia e la propensione ad investire delle imprese, spia di una possibile ripresa degli investimenti, che risentono dell’incertezza politica (interna e internazionale) e del freno del credito, ma beneficiano degli incentivi fiscali, specie a Industria 4.0. Sono i risultati dell’indagine congiunturale realizzata da Ufficio Studi di Confindustria Padova, in collaborazione con Fondazione Nord Est, su un campione di 314 aziende.

PRODUZIONE INDUSTRIALE. Nel quarto trimestre 2016 l’indice della produzione industriale registra un aumento del +2,6% rispetto allo stesso periodo del 2015, il quinto consecutivo. Nella media del 2016 la variazione stimata è del 2,3%. Con eccezione del metalmeccanico (-0,5%), la crescita è diffusa e sostenuta per il resto del manifatturiero (+4,2%), costruzioni (+3,4%) e servizi (+4) e in termini dimensionali per le imprese con meno di 10 addetti (+8,4%). La variazione positiva degli ordinativi si ferma al +1,1%, ma migliora la visibilità: scende dal 30,6% al 27,7% la quota di chi ha orizzonte di lavoro assicurato per meno di un mese, il 30,4% ha ordini per più di tre mesi.

DOMANDA INTERNA. Balzo in avanti per la domanda interna, con vendite interne in aumento su base annua del 6,9% (+4,3% la media 2016) e dato segnatamente positivo per metalmeccanica (+16,2%) e imprese oltre 50 addetti (+13,1). Lo scenario mondiale tornato favorevole con scambi più intensi traina le vendite all’estero che accelerano, con un +5,4% (+5,6% nella media 2016). Risultato corale, prodotto da una crescita che coinvolge sia le vendite in Europa (+5,9%) che extra-Ue (+4,7%).

INDICE DELL'OCCUPAZIONE. L’indice dell’occupazione cresce su base annua del +1,1% (+0,9% la media d’anno), con dato positivo per tutti i settori (manifattura +1%, costruzioni e servizi +1,7%) e nella classe 20-49 addetti (+2,3%). Pressoché stabili i contratti a tempo indeterminato, pari al 29,2% delle nuove assunzioni, diminuisce il tempo determinato (dal 43,3 al 36,5%), sale l’interinale (34,3%).

"PROGRESSI CORALI E DIFFUSI A TUTTI GLI INDICI". Progressi interessanti, soprattutto perché corali e diffusi a tutti gli indici. Il rialzo del prezzo di greggio e non-oil spinge i prezzi delle materie prime, in aumento per il 30,4%. Le condizioni di offerta del credito sono invariate per il 75,1% delle imprese, con rialzo dei tassi di interesse bancari per il 12,4% (16,6 tra le micro-imprese). La liquidità aziendale è giudicata tesa dal 22,4%, si riducono gradualmente i tempi di pagamento: il 31,6% (dal 32,9) lamenta ritardi.

FUDUCIA DELLE IMPRESE. Migliora la fiducia delle imprese con previsioni moderatamente positive per il primo trimestre 2017, restano alti i rischi dell’incertezza politica. La produzione è attesa in crescita dal 28,9%, in calo dal 12,5%: saldo di opinione da +6 a +16. Ancora in recupero gli ordini interni, in aumento per il 26,1%, in calo per il 10,5 (saldo da +6 a +16). Intonata la fiducia sulla domanda estera, in aumento per il 26,5%, giù per il 7,7%. Restano prevalenti i giudizi di stabilità per l’occupazione (75,1%), il 15,8% aumenterà gli organici. Nonostante le incognite globali e l’instabilità politica, la propensione ad investire riguarda oltre 7 aziende su 10 (72,5%), spia di una possibile ripresa degli investimenti tirati dal 4.0. Il 24,9% li aumenterà, il 45,5% li manterrà stabili. Prevalgono gli investimenti in innovazione tecnologica, R&S, sostituzione di impianti.

FINCO. "Gli indicatori congiunturali ci consegnano risultati positivi e in spinta nel quarto trimestre, tirati dal maggiore contributo della domanda interna e dal ritrovato impulso degli scambi con l’estero, che stanno spingendo Padova al nuovo record. Testimoniano la presenza di una manifattura viva e ancora competitiva. Sono segnali che occorre però rafforzare e sostenere perché la crescita è ancora inadeguata ad uscire dalla crisi, pallida rispetto ai nostri principali partner europei, con il rischio di un altro anno dello 'zero virgola'. Le contorsioni della politica e le incertezze ormai quotidiane sulla durata e sull’azione del Governo avvengono quindi nel momento peggiore, proprio quando servirebbe autorevolezza nelle trattative con Bruxelles e forza politica sul piano interno per accelerare misure di risanamento e rilancio, rendendo incisiva l’azione di riforma, dalle privatizzazioni alle decontribuzioni strutturali alla concorrenza, non diluendola. Al Governo e alle forze politiche chiediamo atti di responsabilità, a tutti i livelli: di perseguire gli interessi prioritari del Paese, non quelli elettorali e di bottega, e di affrontare i nodi della crescita, debito, produttività". Così il presidente di Confindustria Padova, Massimo Finco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento