rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Economia

Inflazione alle stelle, Confesercenti Veneto: «Serve una tredicesima bis»

«Si tratterebbe di un intervento Una Tantum di tutela mirato alle famiglie presumibilmente più in difficoltà in questa fase, ma anche di una misura che favorisce la tenuta delle attività e lo sviluppo economico, visto che la liquidità in più si trasformerebbe praticamente tutta in consumi»

I dati Istat di ottobre registrano in Veneto un aumento dei prezzi del +11,8% che, unita all'inflazione si tradurranno in un calo dei consumi presumibilmente del 10% rispetto al 2019, con un 90% dei veneti che è pronto a limitare consumi del tempo libero e un 30% che rimanda addirittura le spese mediche. Verona con un indice del 12,4 si conferma anche per il mese di ottobre la città veneta con maggiori rincari e al decimo posto tra i comuni capoluogo italiani con più di 150mila abitanti; segue Padova con il 12,1 (quattordicesima a livello nazionale) e poi Venezia con l'11,5% (al diciannovesimo posto). 

Confesercenti Veneto

Afferma Cristina Giussani, presidente Confesercenti Veneto: «Ancora una volta sono per lo più i beni energetici, sia quelli regolamentati sia quelli non regolamentati, a spiegare la straordinaria accelerazione dell’inflazione di ottobre. Anche i prezzi dei beni alimentari continuano ad accelerare, in un quadro di tensioni inflazionistiche che attraversano quasi tutti i comparti merceologici. Con la caduta secca dell’indice di fiducia registrato dall’Istat a ottobre (da 94,8 a 90,1), addirittura superiore a quello delle imprese, ci dà un segnale tutt’altro che rassicurante. Il timore è quello di una recessione dei consumi che avrebbe inevitabilmente conseguenze a monte sui livelli di attività delle imprese: è perciò importante tenere in piedi il potere di acquisto dei consumatori». 

Tredicesima bis

Aggiunge Giussani: «Per ridare fiato ai consumi, semplifichiamo e riduciamo le procedure burocratiche dell'attuale regime dei fringe benefits, che ne rendono difficile l'utilizzo e la fruibilità da parte delle imprese, in particolare quelle di minori dimensioni. Dobbiamo trasformarli in una tredicesima bis, un trasferimento aggiuntivo nei confronti dei dipendenti - anche diretto in busta paga - cui sia applicata la stessa detassazione oggi prevista per i fringe benefits. Si tratterebbe di un intervento Una Tantum di tutela mirato alle famiglie presumibilmente più in difficoltà in questa fase, ma anche di una misura che favorisce la tenuta delle attività e lo sviluppo economico, visto che la liquidità in più si trasformerebbe praticamente tutta in consumi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inflazione alle stelle, Confesercenti Veneto: «Serve una tredicesima bis»

PadovaOggi è in caricamento