Crollo di assunzioni, e Pil in picchiata: l'analisi sul mercato del lavoro veneto nel primo trimestre

A fare il punto della situazione è la "Bussola", relazione pubblicata dall'Osservatorio Veneto Lavoro: aumenta a 127mila il numero degli inattivi, mentre il divieto di licenziamento e l'estensione della cassa integrazione hanno limitato il numero delle cessazioni

L'Italia si è trovata suo malgrado tra i Paesi più colpiti dall'emergenza Coronavirus, con le misure di contenimento adottate per contrastare la diffusione del contagio che hanno avuto pesanti ripercussioni a livello economico. E il Veneto, prima regione turistica d'Italia e fortemente vocato all'internazionalizzazione, ha pagato più di altri il prezzo di questa crisi: la dinamica del Pil regionale è prevista al -7,1% per il 2020 (a fronte di un dato nazionale del -6,5%), le esportazioni sono viste in calo del 9,1%, gli investimenti fissi del 13,1%, i consumi delle famiglie del 5,3% e l'occupazione del 3,8%.

Occupazione, inattività e disoccupazione

A fare il punto della situazione è la "Bussola" sul mercato del lavoro veneto nel primo trimestre 2020, relazione pubblicata dall'Osservatorio Veneto Lavoro (e disponibile a questo link) e che assume se possibile ancor più importanza. In un contesto di rallentamento della crescita occupazionale già in atto da tempo, i primi tre mesi dell'anno mostrano i primi effetti dell'emergenza Coronavirus sul mercato del lavoro regionale: il saldo trimestrale risulta positivo, come tradizionalmente avviene ad inizio anno, ma per appena 20.200 posizioni lavorative, un terzo rispetto agli analoghi periodi degli anni precedenti. Il risultato è determinato dal brusco calo registrato a partire dal 23 febbraio, data di entrata in vigore delle prime misure di contenimento e di lockdown, e in particolare dal crollo delle assunzioni (-17,6% rispetto al primo trimestre 2019). Il divieto di licenziamento e l'estensione della cassa integrazione hanno invece limitato il numero delle cessazioni (-2,3%). Questo spiega anche la diminuzione dei disoccupati registrata nel trimestre. Secondo i dati Istat le persone in cerca di occupazione sono scese in regione a 119mila (erano 143mila nel primo trimestre 2019), ma ciò è dovuto principalmente all'aumento degli inattivi: 127mila a fronte degli 85mila del trimestre precedente e dei 101mila del primo trimestre 2019. Il tasso di disoccupazione scende al 5,2%, mentre il tasso di inattività sale al 28,8%. Stabile al 67,4% il tasso di occupazione. Secondo gli elenchi dei Centri per l'Impiego, nel primo trimestre dell'anno sono state rilasciate 29.500 dichiarazioni di immediata disponibilità, un valore inferiore del 14% rispetto allo stesso periodo del 2019. Per i motivi già enunciati il flusso di nuovi disoccupati è quasi esclusivamente limitato a chi ha visto concludersi nel periodo un rapporto di lavoro a termine.

Contratti e turismo

A determinare la tendenza negativa del trimestre sono soprattutto i contratti a tempo determinato, che complici il mancato avvio o la chiusura anticipata delle attività turistiche stagionali, oltre che il blocco delle attività produttive con il lockdown, mostrano un saldo di appena +4.300 contratti, il più basso di sempre. Proprio il settore turistico, innanzitutto ricettività e ristorazione, risulta il più colpito, con un saldo trimestrale negativo (-6.500) e un calo delle assunzioni pari al 37%. Positivi l'agricoltura, che guadagna +13.600 posti di lavoro (valore equivalente a quello del 2019) e l'industria, che segna un +7.000 a fronte però del +13.000 registrato lo scorso anno. A livello territoriale, Belluno accentua la tradizionale caduta del primo trimestre a causa della chiusura anticipata della stagione invernale e risulta l'unica provincia con saldo negativo (-3.300), mentre Venezia si distingue per la più consistente flessione della domanda di lavoro: le assunzioni crollano del 30%, il saldo si attesta a +2.600 posizioni lavorative contro le +11.000 dell'anno precedente. Saldi in diminuzione anche a Verona (+6.900 contro +15.200), Treviso (+4.400 contro +9.200), Padova (+3.900 contro +8.500), Vicenza (+3.000 contro +6.300) e Rovigo (+2.700 contro +3.600).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

61mila posti di lavoro

La tendenza negativa dei primi tre mesi dell'anno si è poi aggravata nelle settimane successive, come ampiamente rilevato nelle misure di monitoraggio dell'Osservatorio di Veneto Lavoro: tra il 23 febbraio e il 31 maggio 2020 si è registrata una variazione dei posti di lavoro pari a -26.000 unità, che sommate alle 35mila guadagnate nello stesso periodo del 2019 comportano una perdita netta di 61mila posti di lavoro dipendente nell'intero periodo di emergenza da Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento