Libretto Smart di Poste Italiane

Tasso premiale dell’1,50% nei 170 uffici postali padovani, rendimenti più elevati e servizi online gratuiti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Il Libretto Smart, emesso da Cassa Depositi e Prestiti e distribuito da Poste Italiane, prevede da oggi un tasso di interesse dell'1,50% annuo lordo fino al 30 giugno 2015.

La novità riguarda le somme versate entro il 31 marzo 2015 e sarà operativa per chi manterrà fino al 30 giugno 2015 un saldo superiore o uguale al 90% del saldo iniziale, attivando contestualmente (entro il 30 giugno 2015) la Carta Libretto, la carta elettronica con microchip che semplifica e rende più veloci le operazioni di versamento in tutti gli Uffici Postali e prelievi di denaro anche negli oltre 7000 sportelli automatici Postamat. Infine, il Libretto Smart dovrà essere tenuto attivo fino al 31 dicembre 2015. In assenza di una di queste tre condizioni il Libretto Smart sarà remunerato al Tasso Base in vigore nel periodo considerato.

Sottoscrivere il Libretto Nominativo Smart non comporta nessun costo di apertura e di gestione, tutte le operazioni sono gratuite. Per attivare un libretto ci si può rivolgere ad uno dei 170 uffici postali della provincia.

Oltre al tasso di interesse premiale, il Libretto Smart mette a disposizione del titolare una serie di funzionalità tramite il servizio di Risparmio Postale Online (RPOL), accessibile dal sito www.poste.it, che permette di consultare il saldo, la lista movimenti e sottoscrivere o rimborsare Buoni dematerializzati, nonché verificarne il valore.

Inoltre, i titolari di Libretto Smart possono accreditare somme sul proprio Libretto tramite bonifici bancari, trasferire somme dal proprio conto BancoPosta o da un Libretto Ordinario, ricaricare la propria Carta Postepay utilizzando la Carta Libretto o la APP Risparmio Postale. La sicurezza è garantita dai sistemi di Poste Italiane ed è rafforzata nel caso di operazioni dispositive, grazie all'utilizzo di un codice "usa e getta"

Torna su
PadovaOggi è in caricamento