«No a un nuovo lockdown, farebbe crollare il sistema economico»: l'appello di Ascom Padova

«Se, come sembra, si arriverà ad un coprifuoco dalle 22, io credo che lo Stato debba farsi carico delle perdite che avranno migliaia di aziende. Detto brutalmente: se mi chiudi devi darmi i soldi perchè possa resistere»

La speranza è quella di evitare un nuovo lockdown, «perché farebbe crollare il sistema economico e perchè stroncherebbe la volontà anche del più incallito degli ottimisti»: Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova, non contesta il fatto che misure efficaci anti-Covid siano necessarie, ma chiede che non si abbandonino interi settori della nostra economia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lockdown?

«Turismo, ristorazione, tempo libero hanno dovuto fare i conti con la riduzione dei consumi interni e col crollo del turismo proveniente dall'estero, un fenomeno che ha colpito soprattutto l'area termale euganea ma anche l'intera provincia. Se, come sembra, si arriverà ad un coprifuoco dalle 22, io credo che lo Stato debba farsi carico delle perdite che avranno migliaia di aziende. Detto brutalmente: se mi chiudi devi darmi i soldi perchè possa resistere. Lo fai per i dipendenti pubblici, devi farlo anche per chi si rompe la schiena dietro un bancone che oggi non gli serve più visto che al bancone è vietato sostare. Il governo deve sapere che il malcontento ha raggiunto il livello di guardia e che ogni anche minima variazione di questo fragilissimo equilibrio che abbiamo raggiunto, è un assist formidabile alla malavita organizzata e a chi può avere tutto l'interesse a cavalcare il malcontento. Io voglio credere - conclude Bertin - che ciò che viene anticipato dalla stampa in queste ore siano "fughe in avanti". Già il delirio di allarmismo sta pesando sulle attività, figuriamoci se dovessero intervenire provvedimenti restrittivi che, forse, si sarebbero potuti evitare se solo ci si fosse impegnati un po' di più nel risolvere il problema dei trasporti che, in ultima analisi, sembra ai più la questione centrale che ha portato a questa nuova ondata di contagi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento