Economia

Estate non decolla, Ascom: "Causa maltempo vendite in sofferenza"

Il clima del periodo non sta aiutando il commercio, soprattutto quello legato alla stagionalità (abbigliamento e calzature in primis). Difficoltà anche per il comparto dell'intrattenimento, dei bar e dei ristoranti

È uno dei luoghi comuni più gettonati: non ci sono più le mezze stagioni. “Il problema – commenta Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova – è che non ci sono più non solo le mezze ma proprio le stagioni in quanto tali ed il commercio, soprattutto quello legato, per l’appunto, alla stagionalità (abbigliamento e calzature in primis), incontra grandi difficoltà. Così come incontra grandi difficoltà chi svolge la propria attività nel comparto dell’intrattenimento, dei bar e dei ristoranti”.

VENDITE GIÙ CAUSA MALTEMPO. Il ragionamento è semplice: il maltempo di questi giorni sta incidendo pesantemente sulle vendite per due ordini di motivi. Spiega Bertin: “Il primo motivo è diretto: se la temperatura non consente di andare al mare ben difficilmente comprerò qualcosa che possa servirmi per la spiaggia. Dunque resta invenduta tutta la merce leggera perché le basse temperature non aiutano ed il calendario, che parla di estate piena, non consente nemmeno di proiettarsi verso la stagione più temperata. Il secondo è più psicologico: le conseguenze delle bombe d’acqua, delle giornate grigie, del maltempo in generale pesano sui comportamenti dei consumatori e lo dimostra l’andamento non soddisfacente dei saldi che, per fortuna, sono stati sostenuti in città dalla “Notte dei Colori” del 18 luglio scorso ed, in provincia, dalle numerose iniziative che abbiamo contribuito a realizzare in diverse località”.

PREVISIONI METEO. L’impressione, comunque, è che si rimarrà su livelli più bassi rispetto allo scorso anno anche se la preoccupazione si estende a settembre-ottobre. “Previsioni che non so quanto attendibili – continua Bertin – parlano di un’estate in “prorogatio” fino ad ottobre inoltrato. Una sorta di recupero come, di fatto, questo luglio molto novembrino sembra un recupero di fresco rispetto ad un inverno che rigido non lo è stato mai. Se così fosse, se cioè l’autunno non dovesse affacciarsi nei tempi canonici, dovremo con ogni probabilità lamentare anche vendite scarse per ciò che riguarda le collezioni autunno-inverno. La speranza è che, come sostengono i meteorologi più seri, le previsioni oltre i tre giorni siano del tutto prive di fondamento”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estate non decolla, Ascom: "Causa maltempo vendite in sofferenza"

PadovaOggi è in caricamento